Spazio

Un pò di luce sulle prime fasi evolutive della Via Lattea

Per la prima volta, un gruppo di astronomi è riuscito a fare luce sulle primissime fasi della storia evolutiva della nostra galassia, la Via Lattea. I...

Argelander Institute for Astronomy

Max-Planck Institute for Radioastronomy

la nostra Galassia, ai suoi albori, in un arco di tempo di poche centinaia di milioni di anni si è trasformata da un’enorme nube amorfa di idrogeno molecolare relativamente freddo ad un agglomerato di materia capace di perturbare gravitazionalmente l'ambiente circostante.

Disegno che rappresenta la struttura di una galassia a spirale come la Via Lattea. Il nucleo e il disco, molto evidenti, sono inviluppati dal cosiddetto "alone", in cui sono presenti gli ammassi globulari, rappresentati dai piccoli cerchietti chiari sfumati. Nella nostra Galassia si conoscono più di 150 ammassi globulari. Le distanze nel disegno sono indicate in kiloparsec (kpc), 1 kpc corrisponde a 32.600 anni luce.

Gli ammassi globulari sono costituiti da un insieme sferoidale di stelle della prima generazione, formatesi più di 12 miliardi di anni fa, che orbitano come satelliti attorno al nucleo di una galassia.

Immagine ripresa dal Telescopio Spaziale Hubble dell’ammasso globulare NGC 6093. Dista da noi circa 33.000 anni luce, ha un diametro di poco inferiore ai 100 anni luce, ed è formato da diverse centinaia di migliaia di stelle della prima generazione.

I loro risultati mostrano che le forze gravitazionali esercitate su questi ammassi stellari dalla proto-Via Lattea sembrano essere state più intense all’aumentare del contenuto di metalli delle stelle che ne fanno parte.

1 luglio 2010 Mario Di Martino
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us