Spazio

Un misterioso "buco" su Marte

Lo ha scovato il Mars Reconnaissance Orbiter non lontano dal Polo Sud del pianeta, in una zona butterata come un Gruviera. Ma come si è formato?

In 11 anni di esperienza in orbita attorno al Pianeta Rosso, il Mars Reconnaissance Orbiter ne ha viste di tutti i colori. Eppure la sonda della Nasa ha appena individuato, vicino al Polo Sud di Marte, una struttura dall'origine ancora misteriosa: un buco di centinaia di metri di diametro, situato in un'area che, dall'alto, somiglia a un Gruviera.

La luce radente del Sole accentua le ombre e i dettagli di ciascuna struttura geologica. Clicca sulla foto per ingrandire. © NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona

Formaggio svizzero. L'estate nell'emisfero sud di Marte sta facendo sublimare il ghiaccio a base di CO2 nella zona polare: il risultato è questo terreno a "macchie" circolari, in cui alcune aree sono ancora ghiacciate e altre sono libere.

Le possibili cause. Ma la depressione fotografata dalla fotocamera HiRISE di MRO è diversa dalle altre: più profonda e con parvenze di ghiaccio all'interno. Che cosa può averla causata? Gli esperti della Nasa stanno vagliando ogni ipotesi: da un impatto meteoritico (sono mezzo milione, quelli che hanno lasciato cicatrici su Marte), al collasso di un tunnel di lava, a una voragine lasciata da un'antica inondazione, alla traccia di una passata attività vulcanica.

Lo scorso aprile, MRO aveva fotografato un altro buco assai meno misterioso: quello lasciato dal rover Opportunity nel 2004, durante l'ammartaggio nella regione di Meridiani Planum.

Il buco lasciato dall'atterraggio di Opportunity, fotografato da MRO il 10 aprile 2017, 13 anni dopo l'ammartaggio del rover. © NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona
5 giugno 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us