Spazio

Un asteroide-cometa tra Marte e Giove

Il telescopio spaziale Hubble ha scoperto due oggetti che ruotano uno attorno all’altro. Si trovano nella Fascia principale degli asteroidi, ma a tutti gli effetti sono delle comete. 

La maggior parte degli oggetti celesti viene suddivisa dagli astronomi in base alla loro posizione e alle loro caratteristiche chimico-fisiche. Questo vale, per esempio, per le comete: la teoria corrente vuole che esse arrivino da oltre Plutone e che siano composte da polveri e ghiaccio e all’avvicinarsi al Sole emettono una o più code. Ma la natura sa essere molto più complessa e varia rispetto alle categorie con cui cerchiamo di spiegarla.

Una sequenza di immagini ripresa dal telescopio spaziale Hubble che mostra l'oggetto doppio 288P apparire come una cometa con la coda. © NASA, ESA, and J. Agarwal (Max Planck Institute for Solar System Research)

È il caso della recente scoperta effettuata grazie ad Hubble. Se si osservano bene queste immagini scattate dal telescopio spaziale, si nota subito che il protagonista della foto è un asteroide, o al massimo una cometa. E invece… nulla di tutto ciò, o quasi.

Si tratta, infatti, di una coppia di asteroidi che orbitano l’una accanto all’altro nella Fascia principale degli asteroidi (cioè quella regione del Sistema solare tra Marte e Giove), ma che hanno molte caratteristiche in comune con le comete. Non s’era mai visto prima nulla di simile!

Nel momento in cui si sono avvicinati al Sole, infatti, essi hanno emesso una coda proprio come fossero delle comete. «Abbiamo rilevato forti indicazioni della sublimazione (ossia del passaggio da solido a gas) del ghiaccio d’acqua a causa del maggior riscaldamento del Sole, esattamente come avviene con le comete», ha spiegato Jessica Agarwal del Max Planck Institute for Solar System Research, che ha guidato il gruppo di ricerca i cui risultati sono stati pubblicati su Nature.

Lo studio di 288P, questo il nome dell’asteroide/cometa, è particolarmente importante per capire da dove sono arrivati gli oggetti che formano la Cintura degli Asteroidi, ma anche per comprendere come è nato e si è evoluto il nostro sistema solare.

Oggetti giovani. Dal momento della scoperta si è cercato di capire da dove sono arrivate le due comete. Secondo l’ipotesi prevalente esse sarebbero il risultato della frantumazione di un oggetto più grande che ruotava molto velocemente su se stesso.

Il fenomeno deve essere avvenuto non più di 5.000 anni fa, perché se fosse stato più vecchio a quella distanza tutto il ghiaccio superficiale sarebbe andato perso e non si sarebbe potuto osservare la coda ai nostri giorni.

Per gli astronomi che studiano il sistema solare si apre un nuovo capitolo di ricerca: quanti oggetti simili a 288P ci sono nella Fascia degli asteroidi? È un’eccezione o ve ne sono molti di più?

La scoperta inoltre amplifica la domanda che molti si fanno sui confini tra gli asteroidi (oggetti composti per lo più da rocce e polveri) e le comete (oggetti composti da rocce, polveri e ghiaccio), confini che sono sempre più labili.

23 settembre 2017 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us