Spazio

L'immagine più chiara e definita di Ultima Thule, l'oggetto più lontano mai esplorato da una sonda

Un collage di scatti mostra il corpo celeste così come è apparso a New Horizons poco più di sei minuti prima del fly-by del 1 gennaio scorso. La superficie non è mai stata visibile a una così alta risoluzione.

Lo scorso capodanno, la sonda della NASA New Horizons è scivolata accanto all'oggetto celeste più distante mai osservato da una missione robotica umana: Ultima Thule (2014 MU69), un asteroide binario a contatto della Fascia di Kuiper che si trovava, al momento del fly-by, a quasi 6,6 miliardi di km dalla Terra. L'agenzia spaziale americana ha appena rilasciato l'immagine composita finora più ravvicinata di quell'incontro, catturata sei minuti e mezzo prima del punto di minima distanza.

Nel collage di foto che vedete in apertura di pagina, New Horizons si trovava a 6.613 di km da Ultima Thule, che è qui ritratto a una risoluzione di 33 metri per pixel. «Ottenere queste immagini ha richiesto di conoscere attimo per attimo la posizione esatta sia di Ultima sia di New Horizons — ha spiegato Alan Stern, responsabile di missione – perché sono transitati uno accanto all'altra alla velocità di 51.500 km orari nella luce fioca della Fascia di Kuiper, un miliardo e mezzo di km oltre Plutone. Si è trattato di una osservazione molto più difficile di quella tentata nel 2015 con il fly-by di Plutone».

Bubboni e buchi. La foto è stata ottenuta accostando nove diverse immagini ottenute dallo strumento LORRI (Long Range Reconnaissance Imager) della sonda. Osservazioni così rapide e nel campo visivo ristretto degli strumenti della sonda sono coraggiose: c'era il rischio di mancare l'obiettivo o visualizzarne soltanto una sottile fascia. Invece sono emersi alcuni dettagli mai esplorati fino ad ora, come alcune zone circolari più chiare di terreno, e piccole fosse scure nella zona del terminatore (la linea che separa la parte in ombra e quella illuminata dell'asteroide).

Non si può ancora determinare l'origine geologica di queste "buche", che potrebbero essere crateri di impatto, o creati dal collasso o dalla sublimazione di terreno ghiacciato. Nel video qui sotto, ottenuto dall'assemblaggio di 14 vedute diverse di LORRI, si vedono invece le due parti dell'asteroide di 31 km: una appiattita più grande ("Ultima") e una più piccola simile a una noce schiacciata ("Thule").

26 febbraio 2019 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La Bibbia è il libro più famoso del mondo. Eppure, quanti sanno leggere fra le righe del racconto biblico? Questo numero di Focus Storia entra nelle pagine dell'Antico Testamento per comprendere dove finisce il mito e comincia la storia, anche alla luce delle ultime scoperte archeologiche. E ancora: la Crimea, terra di conquista oggi come ieri; l'antagonismo fra Coca e Pepsi negli anni della Guerra Fredda; gli artisti-scienziati che, quando non c'era la fotografia, disegnavano piante e animali per studiarli e farli conoscere.

 

ABBONATI A 29,90€

Come sta la Terra? E che cosa può fare l'uomo per salvarla da se stesso? Le risposte nel dossier di Focus dedicato a chi vuol conoscere lo stato di salute del Pianeta e puntare a un progresso sostenibile. E ancora: come si forma ogni cosa? Quasi tutti gli atomi che compongono ciò che conosciamo si sono generati in astri oggi scomparsi; a cosa servono gli scherzi? A ribadire (o ribaltare) i rapporti di potere; se non ci fosse il dolore? Mancherebbe un segnale fondamentale che ci difende e induce solidarietà.

ABBONATI A 31,90€
Follow us