Spazio

TX68, l'asteroide delle donne

Transiterà "vicino" al nostro Pianeta l'8 marzo, per la Festa della Donna. Non è pericoloso, e avrà una traiettoria che potrebbe - ipotesi remota - intersecare l'orbita dei satelliti geostazionari.

Come gran parte degli asteroidi di cui vi diamo conto, non rappresenta un rischio per il nostro pianeta: ciò nonostante, l'orbita di 2013 TX68, un asteroide che l'8 marzo (e non il 5 come ipotizzato finora) passerà vicino alla Terra, ha una caratteristica molto interessante.

Trova l'intruso. Le ultime stime della Nasa dicono che questo masso celeste di 30 m di diametro passerà a circa 5 milioni di km da noi; potrebbe transitare più vicino, ma certamente non si spingerà oltre i 24 mila km di distanza dalla Terra. Ed è questo il parametro che salta all'occhio: 24 mila km è una distanza più "interna" rispetto a quella a cui orbitano i satelliti geostazionari, che operano a 35 mila km di altitudine.

Nessun danno. Significa che c'è la possibilità, per quanto remota, che 2013 TX68 passi più vicino di questo "anello" di satelliti - un'occorrenza che si verifica una volta ogni 10 anni per i grossi asteroidi. Le probabilità che possa colpire o danneggiare un satellite sono comunque quasi nulle (lassù c'è molto spazio, come è facile immaginare).

In prima fila. Se anche transitasse così vicino, non sarebbe certo la prima volta: ma con i moderni telescopi potremmo godere di uno spettacolo piuttosto dettagliato. Fino all'8 marzo, questi ragionamenti rimarranno pure supposizioni: non c'è modo di escludere l'eventualità di un passaggio così prossimo prima di allora.

I prossimi appuntamenti. In ogni caso, abbiamo la certezza che non ci colpirà questo mese e che, molto probabilmente, non lo farà in questo secolo. 2013 TX68 tornerà dalle nostre parti il 28 settembre 2017, con una chance su 250 milioni di colpirci. I flyby successivi saranno nel 2046 e nel 2097, e anche questi sono considerati "sicuri".

3 marzo 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us