Spazio

Viste da vicino: le tute spaziali per la Crew Dragon di SpaceX

Guanti per il touchscreen, design hollywoodiano e casco stampato in 3D: ecco come sono fatte le tute indossate dagli astronauti della Crew Dragon.

I primi esseri umani a partire per lo Spazio dal suolo americano dopo la fine dell'era degli Shuttle lo faranno con eleganza, con tute spaziali dal design e dalla tecnologia totalmente rivoluzionati. Per il volo inaugurale della Crew Dragon con equipaggio (rimandato al 30 maggio per il maltempo), gli astronauti della NASA Douglas Hurley e Robert Behnken indosseranno uniformi molto diverse dagli ingombranti scafandri arancioni che proteggevano l'ultimo equipaggio lanciato dal Kennedy Space Center nel 2011.

La "Starman Suit" progettata per questo grande ritorno sembra più cucita sul corpo di un supereroe, ma alle linee futuristiche abbina comodità nella seduta e le più moderne tecnologie per garantire la sicurezza.

Seduti e collegati. La tuta pressurizzata per l'equipaggio della Crew Dragon è più simile a quelle dei piloti da caccia che alle Extravehicular Mobility Unit (EMU) usate per le passeggiate spaziali. Lo scopo della Starman Suit è infatti proteggere gli astronauti da eventuali depressurizzazioni e garantire la sopravvivenza durante le fasi più complesse del lancio: può erogare ossigeno per brevi periodi di vuoto, proteggere dalle fiamme e regolare la temperatura al suo interno, ma non è pensata per attività extraveicolari nello Spazio.

La tuta è considerata parte integrante della Crew Dragon, e per questo si collega al sedile nella capsula con una semplice "presa", una specie di cordone ombelicale che fornisce all'astronauta aria da respirare, accesso alle comunicazioni con il controllo di Terra ed alimentazione elettrica.

Gli "accessori". Il casco stampato in 3D ha radio e microfono integrati, ma la vera rivoluzione sono i guanti, flessibili, anti-strappo e conduttivi: sono stati disegnati apposta per funzionare sullo schermo touch della Crew Dragon, e per farlo a prova di errori. Gli astronauti Douglas Hurley e Robert Behnken sono stati coinvolti in ogni fase di progettazione della tuta e della capsula, inclusa la decisione di rendere "touch" il pannello di comando della navicella - un netto strappo con il passato, che ha obbligato i due a disimparare i movimenti automatici su leve e pulsanti necessari a manovrare la Soyuz. 

Doug Hurley si esercita ad usare i comandi touch della Crew Dragon. © NASA Johnson

Nulla di lasciato al caso. L'aspetto delle tute spaziali di SpaceX è stato immaginato da Jose Fernandez, designer di Hollywood che ha lavorato ai costumi di Batman vs Superman, I Fantastici 4, The Avengers, X-Men II; ricordano le armature con spalle squadrate e muscolatura pre-scolpita di creature con i superpoteri, e rispondono a precise esigenze di mercato, ora che i voli spaziali sono gestiti da una compagnia privata che fa di tutto per risultare attraente. Si vuole vendere un prodotto, senza rinunciare alla sicurezza degli astronauti.

29 maggio 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us