Spazio

Trovate le possibili culle della vita aliena

Un decimo delle stelle presenti nella nostra galassia potrebbero fornire le condizioni giuste per lo sviluppo di forme di vita complesse.

Trovate le possibili culle della vita aliena
Un decimo delle stelle presenti nella nostra galassia potrebbero fornire le condizioni giuste per lo sviluppo di forme di vita complesse.

La Via Lattea e la cometa di Halley, fotografata nel 1996. Una delle ipotesi più accredidate sull'origine della vita sulla Terra è che sia arrivata con l'impatto del nostro pianeta con una cometa. Foto: © NASA.
La Via Lattea e la cometa di Halley, fotografata nel 1996. Una delle ipotesi più accredidate sull'origine della vita sulla Terra è che sia arrivata con l'impatto del nostro pianeta con una cometa. Foto: © NASA.

Siamo soli nell'universo? La domanda è antica circa quanto l'uomo. Nel cercare la risposta, gli scienziati hanno scrutato l'universo alla ricerca di segnali di vita e hanno inviato sonde e messaggi nello spazio più profondo.
Attraverso un nuovo e differente approccio, gli astronomi hanno ora identificato i luoghi all'interno della nostra galassia dove presumibilmente è più facile che si sia sviluppata la vita. E dove ci potrebbero esser le condizioni ideali per la presenza di sistemi solari abitati. Secondo l'analisi più accurata finora condotta, circa il 10 per cento delle stelle presenti nella Via Lattea, presenterebbe un sistema con le condizioni necessarie per lo sviluppo di vita complessa.
Zone verdi Charles Lineweaver dell'Università di New South Wales in Australia ha studiato lo sviluppo della nostra galassia e applicando il concetto di “zona galattica abitabile” ha sviluppato una mappa delle zone dove sono presenti i quattro fattori ritenuti più importanti per lo sviluppo di una vita complessa e cioè, l'esistenza di una stella “ospite” per un sistema di pianeti, metalli pesanti per formare pianeti terrestri, sufficiente tempo per l'evoluzione biologica e la distanza ragionevole da eventuali supernove.
Secondo i ricercatori 8 miliardi di anni, a circa 25 mila anni luce dal cuore della Via Lattea si è formata una zona abitabile che lentamente si è espansa, includendo anche le stelle che sono nate in seguito, fino a 4 miliardi di anni fa. La maggior parte delle stelle comprese in questa zona “abitabile” sono dunque più antiche del Sole (che di miliardi ne ha soltanto 4,5), in media 1 miliardo di anni in più, e in teoria hanno avuto più tempo per permettere lo sviluppo della vita.
La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Science, sebbene gli stessi autori gettino acqua sul fuoco: si tratta di uno studio preliminare.

2 gennaio 2004
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us