Spazio

Il TIC misterioso che sconcerta gli astronomi

L'anomalo comportamento di due corpi appartenenti al sistema binario TIC 400799224, in rotazione uno attorno all'altro, sta sfidando gli astronomi. Che per ora fanno solo ipotesi...

A circa 2.300 anni luce di distanza da noi c'è un "oggetto misterioso" (chiamato TIC 400799224) che, periodicamente, mostra un calo di luminosità che dura circa 4 ore, dopodiché torna nelle condizioni normali.

La prima spiegazione abbozzata dagli astronomi ipotizzava che si trattasse di un'eclissi legata a transiti di pianeti o asteroidi, ma analisi più approfondite lo hanno escluso: c'è qualcosa a cui non è semplice dare una spiegazione. 

Il catalogo. Questo oggetto "variabile" è stato scoperto grazie al Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS), lanciato nel 2018 con l'obiettivo di scoprire piccoli pianeti attorno alle stelle più vicine al Sole. Finora ha scoperto 172 esopianeti confermati e compilato un elenco di 4.703 esopianeti "candidati", che devono ancora essere studiati per avere conferma o meno che si tratti di pianeti di altre stelle. La sua fotocamera, estremamente sensibile, scatta immagini che coprono un enorme campo visivo, tanto da dare vita a un catalogo con oltre 1 miliardo di oggetti, da stelle pulsanti a supernovae, da pianeti in disintegrazione a stelle binarie fino a sistemi di stelle triple e altro ancora. 

Il sistema binario TIC 400799224
Un'immagine all’infrarosso scattata da TESS (Transiting Exoplanet Survey Satellite). Al centro, con la crocetta, il misterioso oggetto TIC 400799224. © Transiting Exoplanet Survey Satellite

Ad attirare l'attenzione di Karen Collins, astronoma dell'Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, e del team di lavoro che avrebbe scoperto TIC 400799224, è stato il suo comportamento, del tutto anomalo rispetto ad altri sistemi stellari. Questa insolita sorgente, infatti, mostrava un rapido e notevole calo di luminosità – quasi il 25 per cento in sole quattro ore – seguito da più variazioni di luminosità nelle ore successive, per poi riprendere le normali condizioni di luminosità.

La verifica. Collins ha poi deciso di fare una ricerca per verificare se altri telescopi l'avessero già osservata senza approfondirne lo studio. Così, incrociando i dati a disposizione, ha potuto capire che l'oggetto è probabilmente un sistema binario (ossia formato da due oggetti in rotazione reciproca) e che uno degli oggetti pulsa con un periodo di 19,77 giorni. 

Nel suo lavoro ha dunque ipotizzato che probabilmente si tratta di un corpo orbitante che emette periodicamente nuvole di polvere che occultano l'altra stella. Ma mentre la periodicità è rigorosa, le occultazioni di polvere della stella sono irregolari per forma, profondità e durata. 

Sconcertante! La natura del corpo orbitante è sconcertante perché la quantità di polvere emessa è enorme e se fosse il prodotto della disintegrazione di un oggetto, come l'asteroide Cerere nel nostro sistema solare, sarebbe sopravvissuto solo ottomila anni prima di scomparire completamente.

 

Ma questo non vale per quell'oggetto (a meno che non abbia iniziato ad emettere polveri solo di recente, detto in termini astronomici). 

E quindi? I ricercatori prevedono ora di continuare a monitorare questo oggetto e di incrociare i dati con leosservazioni storiche del cielo, per cercare di determinarne meglio le variazioni avvenute nel corso degli ultimi decenni.

11 gennaio 2022 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us