Spazio

Terremoti asteroidali

I risultati di un nuovo studio rivelano che gli asteroidi che passano vicino alla Terra, o a un altro dei pianeti maggiori, possono subire dei forti...

I risultati di un nuovo studio rivelano che gli asteroidi che passano vicino alla Terra, o a un altro dei pianeti maggiori, possono subire dei forti “scossoni”, dei veri e propri sommovimenti sismici, che possono modificare la loro struttura superficiale. Da anni si parla molto del rischio che oggetti di questo genere possono rappresentare per il nostro pianeta, ma questa volta sembra che siano gli asteroidi a dover temere un passaggio ravvicinato con la Terra. A questa conclusione è giunto un gruppo di ricercatori franco-statunitense, coordinato da Rick Binzel del Massachussets Institute of Technology (MIT), dopo aver analizzato le caratteristiche superficiali di un centinaio dei cosiddetti near-Earth asteroid (NEA), gli asteroidi che hanno orbite che li portano in vicinanza del nostro pianeta.

Immagine della superficie del NEA Eros, ripresa dalla sonda ‘Near-Shoemaker’, che per circa un anno è stata in orbita attorno a questo piccolo asteroide. La superficie di questo oggetto fornisce un ottimo esempio di cosa è la ‘regolite’, un materiale poco compatto a granulometria eterogenea costituito da polvere e frammenti di roccia. L’immagine mostra un’area di circa 50 metri di lato, la roccia in basso a sinistra è grande poco più di 7 metri.

Tutti i corpi solidi del Sistema Solare non dotati di atmosfera sono ricoperti da uno strato più o meno spesso di regolite, un materiale poco compatto a granulometria eterogenea costituito da polvere e frammenti di roccia. La regolite si forma a seguito del continuo bombardamento meteoritico, a cui è continuamente sottoposta la superficie di questi oggetti, e a causa dei fortissimi sbalzi di temperatura che tendono a frantumare le rocce superficiali.

Oltre a ciò, la continua azione degli impatti di micro meteoriti e delle particelle elettricamente cariche del vento solare tendono con il tempo a produrre cambiamenti nella mineralogia del materiale esposto in superficie, facendogli cambiare colore (arrossandolo). È come se anche gli asteroidi stando esposti alla radiazione solare si “abbronzassero”, è il cosiddetto processo di “invecchiamento”. Quando però questi oggetti transitano in prossimità della Terra, o di un altro pianeta, gli “scossoni” che subiscono, a causa delle forti interazioni gravitazionali, fanno sì che il materiale superficiale subisca un rimescolamento che mette alla luce le parti non invecchiate dei frammenti e dei detriti che formano la regolite. In altre parole, la superficie dell’asteroide subisce un “ringiovanimento”.

Ebbene, questo fenomeno è stato rilevato dall’analisi delle caratteristiche superficiali ottenute con osservazioni spettroscopiche di 95 NEA, combinate con le loro storie orbitali. Ben 20 degli asteroidi con superfici “giovani” presenti nel campione nel corso degli ultimi 500.000 anni sono passati dalla Terra ad una distanza inferiore a quella che separa il nostro pianeta dalla Luna. Si tratta della “prova sperimentale” che gli asteroidi subiscono delle trasformazioni a causa delle forze indotte dal campo gravitazionale terrestre anche a distanze non molto brevi.

In precedenza, si riteneva che per subire significativi cambiamenti fisici un asteroide dovesse passare a una distanza molto più ravvicinata, non superiore ai due raggi terrestri.

La prova finale di questo fenomeno potrebbe essere fornita nell’aprile del 2029, quando l’asteroide Apophis passerà dalla Terra a soli 30.000 km di distanza (al di sotto della quota dei satelliti geostazionari). Se prima del passaggio ravvicinato potessimo mettere dei sismografi sulla sua superficie, saremmo in grado di provare in maniera certa questa teoria.

24 gennaio 2010 Mario Di Martino
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us