Spazio

Kepler scopre 715 nuovi pianeti come la Terra

L'Universo pieno di mondi: migliaia di pianeti simili alla Terra ruotano attorno a stelle simili al Sole: È la nuova mappa dell'Universo disegnata dal telescopio spaziale Kepler.

In un colpo solo siamo passati dal conoscere circa 1000 pianeti extrasolari a quasi il doppio: la Nasa ha infatti annunciato la scoperta di 715 nuovi pianeti che orbitano attorno a 305 stelle, e questo fa salire a 1700 il numero di pianeti extrasolari finora noti. Il nuovo censimento è il risultato dei dati del telescopio spaziale Kepler. I pianeti extrasolari, o esopianeti, sono corpi planetari che orbitano attorno ad altre stelle e che solo dal 1995 si è iniziato a rilevare con telescopi terrestri e spaziali.

Tra i pianeti inclusi in quest'ultima ondata di scoperte, il 95% è più piccolo di Nettuno, che è quasi 4 volte le dimensioni della Terra: un dato che segna un aumento molto importante del numero di pianeti di piccole dimensioni, cioè più simili alla Terra che a Giove, rispetto a tutte le scoperte fatte precedentemente.

«Con i suoi risultati il team che sta analizzando i dati del telescopio Kepler continua a stupirci ed emozionarci», ha dichiarato Jahn Grunsfeld, tra i responsabili del Science Mission Directorate della Nasa. «I dati infatti ci dicono che sono sempre di più i sistemi solari simili al nostro e ciò preannuncia un futuro davvero interessante, quando verrà lanciato il James Webb Telescope, un telescopio spaziale molto più potente di Kepler e di Hubble, che avrà appunto anche il compito di cercare pianeti simili alla Terra.»

Spazio: i blog di Focus

# Effetto Terra, di Luigi Bignami
# Una finestra sull'Universo, di Mario Di Martino

Il metodo statistico. A questi strabilianti risultati i ricercatori sono arrivati applicando un nuovo sistema che in parte si basa sulla logica delle probabilità. Kepler ha osservato 150.000 stelle e alcune migliaia di queste risultavano avere caratteristiche compatibili con la presenza di pianeti. Di quest'ultimo gruppo di stelle, diverse centinaia hanno poi mostrato con certezza la presenza di pianeti in orbita - rivelati dalla variazione di luminosità prodotta dal corpo planetario nel passaggio davanti alla stella. Così, statisticamente, si è arrivati a supporre che ci fossero pianeti anche attorno alle altre stelle candidate.

«Quattro anni fa Kepler aveva dato modo di ipotizzare dapprima centinaia, poi migliaia di candidati pianeti. Ma erano appunto solo "mondi candidati". Ora che abbiamo sviluppato un sistema statistico attendibile abbiamo trovato una vera miniera d'oro di nuovi mondi», ha commentato Jack Lissauer dell'Ames Research Center della Nasa, in California.

Waterworld. Va sottolineato che 4 dei nuovi pianeti scoperti hanno dimensioni inferiori a 2,5 volte quella della Terra e si trovano a una distanza dal loro sole tale da permettere all'acqua (se esiste) di scorrere liquida, e questo è un elemento fondamentale per la vita come la conosciamo sulla Terra. Uno di questi pianeti, denominato Kepler-296f, orbita attorno ad una stella che è grande la metà rispetto al nostro Sole e possiede una luminosità del 5% rispetto al nostro astro. Il pianeta è grande due volte la Terra, ma gli scienziati non sanno se esso sia completamente gassoso e coperto da un'atmosfera di idrogeno ed elio o se è invece un mondo d'acqua.

Avviata nel 2009, la missione Kepler è la prima della Nasa che ha l'obiettivo di cercare nuovi pianeti. Sono stati individuati 3600 candidati dei quali 961 risultano essere reali oggetti planetari. Gli altri sono stati scoperti con altri osservatori spaziali e terrestri. Nel 2013, però, Kepler ha avuto un grave problema ai giroscopi e al momento si è in attesa di capire quale sarà il suo futuro: vedi A rischio il cacciatore di esopianeti.

Il sistema planetario con due soli per due pianeti

La conquista dello spazio per immagini
VAI ALLA GALLERY (N foto)

Arte da Marte: le migliori foto di Spirit e Opportunity
VAI ALLA GALLERY (N foto)

28 febbraio 2014 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us