Spazio

Svelata la natura di un rarissimo asteroide triplo

Caratterizzata con precisione le natura di un asteroide triplo della categoria NEA con un orbita che lo porta a meno di 10 milioni di km dalla Terra.

Il primo satellite di un asteroide (o asteroidale) fu scoperto nell’agosto 1993 dalla sonda Galileo in viaggio verso Giove. Si trattava di Dactyl, un piccolo oggetto di circa 1,5 km di diametro che orbita in circa 20 ore attorno all’asteroide (243) Ida, le cui dimensioni sono di 54×24×15 km.

Da allora sono circa 180 i piccoli pianeti attorno ai quali sono stati scoperti uno o più satelliti, due terzi dei quali si trovano nella Fascia Principale degli asteroidi - la vasta cintura di planetesimi che si trova tra le orbite di Marte e Giove - mentre i rimanenti appartengono alla popolazione dei near-Earth asteroids (NEA), gli oggetti asteroidali che nel corso della loro orbita attorno al Sole transitano in prossimità della Terra (a tutt’oggi in totale ne sono stati scoperti più di 12.000).

Della famiglia dei NEA, a tutt’oggi, si conoscono soltanto due oggetti costituiti da tre componenti, denominati rispettivamente con le sigle 1994 CC e 2001 SN263. Quest’ultimo è stato scoperto il 20 settembre 2001 e il 12 febbraio del 2008 le osservazioni radar effettuate con il radiotelescopio da 305 metri di diametro Di Arecibo (Puertorico) hanno rivelato che l'asteroide non è un oggetto unico, ma è costituito da un corpo di maggiori dimensioni e da altri due più piccoli che gli orbitano attorno.

Grazie all’analisi di dati radar e fotometrici dell’asteroide triplo 2001 SN263 è stato possibile determinare le proprietà e la dinamica del sistema con una ricchezza di particolari senza precedenti. © Icarus/Becker et al.

Una “foto” di famiglia molto accurata. Adesso, grazie alle analisi delle immagini radar e di una lunga serie di osservazioni telescopiche, è stato possibile caratterizzare con precisione i tre oggetti e mettere in evidenza le proprietà e la dinamica del sistema con una ricchezza di particolari senza precedenti. In pratica, si sono ottenute delle vere e proprie “immagini” dei tre piccolissimi corpi planetari e sono stati ricavati con precisione i loro parametri orbitali e fisici.

Un mucchio di sassi spaziale. Il componente principale del sistema, denominato Alpha, ha un diametro di circa 2,8 km e una densità di poco superiore a quella dell’acqua. Presumibilmente la sua struttura è “porosa” con al suo interno delle cavità ed è fratturato: molto probabilmente si tratta di un oggetto che in gergo viene chiamato rubble-pile (mucchio di sassi), un corpo composto da diversi blocchi di roccia tenuti insieme dalla reciproca forza di gravità.

La forma di Alpha, che compie una rotazione attorno al proprio asse in circa 3 ore e 25 minuti, assomiglia un pò a quella di una trottola e non è un caso: la regione equatoriale è più spessa perché è da lì che probabilmente si è staccato il materiale che è andato a formare i due minuscoli satelliti. Il più piccolo e interno, Gamma, orbita attorno al corpo maggiore in poco meno di 16 ore e mezzo ad una distanza di circa 4 km.

La cosa interessante è che la sua densità (circa 2,3 g/cm3) risulta essere molto più elevata di Alpha e quindi si tratta di un corpo compatto, cioè monolitico. Il secondo satellite, Beta, si trova a quasi 17 km dal corpo principale e descrive un’orbita in 6 giorni. Questo satellite ha la stessa densità del primario e deve avere una struttura composita.

La forza di gravità di Alpha è talmente bassa che, con un balzo, un ipotetico astronauta che visitasse il sistema potrebbe alzarsi dalla sua superficie e spostarsi da un satellite all’altro.

13 aprile 2015 Mario Di Martino
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us