Spazio

Su Venere vulcani ancora attivi

Di infernale, sul nostro vicino planetario, non c'è solo l'atmosfera. La presenza di colate laviche recenti intorno al vulcano Idunn Mons è stata dedotta da un nuovo modello teorico.

Sul passato geologicamente attivo di Venere non ci sono mai stati dubbi. Ma una nuova ricerca su uno dei suoi vulcani più noti sembra stabilire che il pianeta abbia avuto eruzioni recenti, forse ancora in corso. A dirlo è uno studio del German Aerospace Center (DLR) recentemente presentato al congresso dell'American Astronomical Society’s Division for Planetary Sciences, a Pasadena (California).

Troppo coperto. L'Idunn Mons è un vulcano dell'emisfero sud-occidentale di Venere che svetta per 2,5 km di altezza e 200 km di diametro sulla superficie. Nel 2010, la sonda dell'ESA Venus Express aveva identificato quel rilievo come "punto caldo" del pianeta, perché rispetto alle aree circostanti emana più alti livelli di radiazione infrarossa. Il dato suggeriva che su Venere c'erano tracce di eventi geologici recenti - ossia più giovani di 2,5 milioni di anni - ma la fitta copertura nuvolosa del pianeta aveva impedito alla sonda di approfondire le osservazioni.

Il fianco est dell'Idunn Mons, con le simulazioni delle colate di lava (Ifu significa "lava flow units", unità di flusso di lava). © NASA/JPL-Caltech/ESA/DLR

L'unione fa la forza. Il nuovo studio ha combinato i dati infrarossi di Venus Express con i dati radar ad alta risoluzione della sonda Magellano della NASA, in orbita intorno a Venere dal 1990 al 1994. Combinando queste informazioni in un nuovo modello matematico è stato possibile realizzare una mappa geologica completa del vulcano, e individuare una colata lavica lunga 20 km sul versante est della montagna: è la prima volta che accade per un vulcano non terrestre. Insomma l'attività geologica per Venere, stando alle ultime analisi, sarebbe un ricordo ancora fresco.

23 ottobre 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us