Spazio

La Starliner di Boeing ha completato un importante test dei paracadute

La navicella che potrebbe tornare a lanciare gli astronauti Nasa dal suolo americano ha dimostrato di poter atterrare in sicurezza anche con la metà dei paracadute fuori uso. Ora si prepara al primo viaggio verso la ISS (senza equipaggio).

La capsula spaziale CST-100 Starliner di Boeing ha completato il suo quinto e più complesso test dei paracadute, superandolo a pieni voti. La navicella, destinata a fare la spola tra la Terra, la Stazione spaziale internazionale e altre stazioni orbitanti, anche private, come l'hotel di Bigelow Aerospace, è stata portata fino a 12.200 metri di quota e da lì lasciata cadere, con tre dei suoi sei paracadute messi deliberatamente fuori uso.

Ciò nonostante, dopo una discesa di quattro, interminabili minuti è atterrata dolcemente nell'US Army's White Sands Missile Range, un'area militare nel Nuovo Messico: un dettaglio, questo, non di poco conto, visto che la capsula sarà capace di atterraggi al suolo, come la Soyuz, al contrario di quanto dovevano fare le navicelle statunitensi che hanno preceduto gli Shuttle, che ammaravano.

Azzoppata. Ogni Starliner sarà dotata di più di sei paracadute: nell'ultimo test sono stati danneggiati appositamente i due paracadute pilota e uno di quelli principali, per dimostrare che la capsula può atterrare anche in condizioni avverse.

Verso la ISS. Quello appena completato era uno degli ultimi passaggi cruciali prima del viaggio inaugurale della Starliner verso la ISS, che dovrebbe avvenire - senza equipaggio - entro un paio di mesi. La navicella dovrebbe rimanere agganciata alla Stazione spaziale per una settimana, come la "rivale" Crew Dragon di SpaceX (ancora ferma dopo un'esplosione avvenuta durante i test di terra).

Se anche questa missione avrà successo, sarà seguita da un battesimo dell'aria con equipaggio entro fine anno: gli astronauti Chris Ferguson (di Boeing), Mike Fincke e Nicole Mann (NASA) potrebbero essere i primi - dopo la fine dell'era degli Shuttle, nel 2011 - a non volare con le navicelle russe Sojuz e partire direttamente da suolo americano.

30 giugno 2019 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 31,90€
Follow us