Spazio

La spazzatura spaziale sta inquinando (invisibilmente) anche la nostra atmosfera

Mentre bruciano rientrando in atmosfera, i detriti spaziali rilasciano vapori metallici inquinanti. E andrà sempre peggio: con quali conseguenze per la Terra? 

 

Le regole che gli enti spaziali si sono imposti per evitare che la spazzatura spaziale cresca attorno al nostro Pianeta, sembrano avere conseguenze per la nostra atmosfera, anche se la gravità della situazione non è ancora stata capita appieno. Visto il crescente aumento dei satelliti in orbita terrestre, infatti, la maggior parte delle agenzie spaziali e degli enti spaziali privati si è imposto di far rientrare nell'atmosfera gli oggetti che non servono più nello spazio, facendoli bruciare durante l'attraversamento dell'atmosfera stessa.

Metalli nell'atmosfera. Ora un gruppo di ricercatori guidati dal fisico Daniel Murphy della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), ha scoperto che questo sistema rilascia dei vapori metallici nell'atmosfera e merita uno studio molto approfondito. «Al momento, il materiale refrattario presente nelle particelle stratosferiche è costituito principalmente da ferro, silicio e magnesio, provenienti dalla fonte meteoritica naturale», spiegano i ricercatori. «Tuttavia, si prevede che la quantità di materiale proveniente dal rientro dei satelliti e dello "stadio superiore" dei razzi che li lancia, aumenterà drasticamente nei prossimi 10-30 anni. Di conseguenza, si prevede che la quantità di alluminio e di particelle di acido solforico stratosferico diventi paragonabile o superiore alla quantità di ferro meteorico, con conseguenze sconosciute. Queste particelle infatti, producono nucleazione del ghiaccio».

Il WB-57 a caccia di aerosol. Sebbene nell'orbita terrestre ci sia molta spazzatura che risale soprattutto ai primi anni dell'era spaziale, i lanci più recenti sono stati effettuati pensando alla durata di vita degli oggetti che vengono lanciati. E così si stanno progettando satelliti che alla fine usciranno dall'orbita sulla quale lavorano, per ricadere sulla Terra, bruciando nell'atmosfera. Ma finora nessuno si era posto la domanda se ciò non avesse implicazioni per la nostra atmosfera. Murphy e i suoi colleghi hanno voluto capire se il vapore proveniente da queste deorbitazione rimane nella stratosfera o dove va a finire. Per questo, il team ha prelevato campioni di aerosol stratosferici per analizzarli. Per questo lavoro hanno utilizzando lo strumento PALMS (Particle Analysis by Laser Mass Spectrometer) a bordo dell'aereo d'alta quota WB-57 della NASA.

Trovato materiale dei satelliti. I ricercatori hanno analizzato circa 500.000 singole goccioline di aerosol alla ricerca di tracce di metalli utilizzati nella produzione di veicoli spaziali, e hanno scoperto la presenza di circa 20 metalli. Alcuni di questi erano in proporzioni coerenti con la vaporizzazione delle meteore ma altri, come il litio, l'alluminio, il rame e il piombo, superavano le quantità previste dall'ablazione delle meteore.

L'eccesso, ha scoperto il team, era coerente con i rapporti attesi dalla produzione di veicoli spaziali. Altri metalli trovati, come il niobio e l'afnio, sono comuni nei veicoli spaziali, ma non ci sono (se non eccezionalmente) nelle meteore. Nel complesso, il team ha scoperto che circa il 10 per cento degli aerosol stratosferici al di sopra di una certa dimensione trattengono particelle di veicoli spaziali vaporizzati.

31 ottobre 2023 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us