Spazio

SpaceX tenta l'atterraggio su una piattaforma galleggiante robotizzata

La prossima missione di SpaceX non rientrerà sulla terraferma ma su una piattaforma galleggiante robotizzata in mezzo all'Oceano.

SpaceX ci riprova. Dopo il successo dello scorso 22 dicembre, quando per la prima volta il razzo Falcon 9 è rientrato sulla Terra atterrando in verticale su una speciale piazzola, l’azienda di Elon Musk alza l’asticella della sfida.

Sabato mattina la Nasa ha infatti confermato una nuova missione per il prossimo 17 gennaio: il Falcon 9 partirà dalla base di Vandenberg, in Virginia, per portare in orbita 3 satelliti dell’Agenzia spaziale. Ma, a differenza della precedente spedizione, il rientro del vettore non avverrà sulla terraferma bensì su una piattaforma galleggiante robotizzata, una specie di drone in versione chiatta.

Se l’operazione si concluderà con successo, sarà il primo atterraggio “navale” nella storia della corsa allo spazio. Ecco perchè Musk vuole tentare questa nuova impresa da record.

Dallo spazio alle onde. Dal punto di vista tecnologico far atterrare un razzo in rientro dall'orbita su una piattaforma galleggiante è molto più complesso che dirigerlo sulla terraferma. Le variabili sono di più e cambiano in continuazione: l’altezza delle onde, la velocità e la direzione delle correnti, i venti. Non avrebbe avuto senso per l’azienda perfezionare l’atterraggio sul suolo prima di complicare ulteriormente le cose?

La scelta di Elon Musk potrebbe essere dettata da motivi di sicurezza, per esempio: far atterrare un razzo in mezzo all’Oceano, lontano da qualunque insediamento, riduce i danni in caso di incidente. E la Nasa, quale committente, è particolarmente interessata a questo aspetto anche per motivi politici e di immagine.

Atterraggio flessibile. Se l’operazione andrà a buon fine permetterà inoltre all’azienda di avere una flessibilità quasi illimitata nella scelta del luogo e delle modalità di rientro dei propri veicoli, modificandole anche a missione iniziata, così da poter scegliere sempre condizioni ottimali. Un vantaggio notevole, che potrebbe rivelarsi vincente anche dal punto di vista commerciale.

Nella missione del prossimo 17 gennaio verrà impiegato un Falcon 9 nuovo, non quello utilizzato nella missione di dicembre, che comunque, secondo quanto affermato da Musk nella conferenza stampa di presentazione dell’operazione, è "tornato a casa" in ottime condizioni.

12 gennaio 2016 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us