SpaceX in orbita con soli pezzi riciclati

La Stazione Spaziale Internazionale è stata rifornita con una navicella Dragon riutilizzata, spinta da un razzo Falcon 9 riciclato.

25209130178_b61eb504e9_o-720x340
Il razzo Falcon 9 in partenza per la seconda volta. Otto minuti dopo, il suo secondo ritorno a casa. | SpaceX

Domenica 17 dicembre un razzo Falcon 9 di SpaceX ha portato sulla ISS 2200 Kg di materiale fra rifornimenti e carico scientifico. Ad attraccare alla stazione è stata una capsula Dragon che era già stata in orbita. Anche il razzo Falcon 9 che l'ha spinta nello spazio aveva già volato a giugno. È la prima missione in cui sia la navicella 75razzo sono riciclati.

 

Il falco vola, il falco torna. A 2 minuti e 30 secondi dalla partenza, il primo stadio del razzo si è separato dal secondo stadio e ha fatto dietrofront per tornare a Cape Canaveral, dove è riatterrato dopo meno di 8 minuti di volo totali.

 

Nel frattempo il secondo stadio del razzo (l'unico componente non riciclato e non riciclabile) accelerava per portare la capsula Dragon in orbita. Qui il video diffuso da SpaceX, la partenza è al minuto 16.

 

Bentornata. Ieri, dopo 3 giorni di avvicinamento, la capsula Dragon è stata agganciata dal braccio robotico Canadarm 2 della stazione spaziale, manovrato dagli astronauti suoi inquilini. Nel carico scientifico più di 250 fra dispositivi ed esperimenti. Fra questi il sensore SDS (Space Debris Sensor) che, una volta montato all'esterno della ISS, fornirà importanti informazioni sui detriti spaziali. Il ritorno della capsula sulla Terra è previsto a gennaio.

 

Un nuovo primato che si somma ai successi della compagnia, portando a 20 il numero di rientri a terra dei razzi del magnante Elon Musk. Un'altra prova che il volo spaziale più essere più economico.

 

18 dicembre 2017 | Davide Lizzani