Spazio

SkinSuit: la tuta per ambienti a gravità ridotta

In assenza di gravità, una speciale tuta esercita sul corpo degli astronauti il peso normalmente imposto dalla massa corporea sulla Terra.

Un tuta per ridurre gli effetti debilitanti dell'assenza di gravità a bordo della Stazione spaziale internazionale è stata sperimentata per una decina di giorni dall'astronauta dell'Agenzia spaziale europea Andreas Mogensen durante una missione di breve durata (10 giorni).

Nell'aspetto la tuta è simile a quelle che indossano ciclisti e nuotatori, ossia quelle che si adattano perfettamente al corpo per ridurre l'attrito con l'aria o l'acqua. Ma la dermotuta spaziale (SkinSuit), nata da un'idea di James Waldie, ingegnere aerospaziale presso la Rmit Univeristy di Melbourne (Australia), è concepita per dare all'astronauta un carico verticale dalle spalle ai piedi simulando il peso normalmente imposto sulla Terra dalla massa corporea, che "schiaccia" il corpo.

Paolo Nespoli è uno tra i più alti astronauti a essere andati nello spazio: anche su di lui si è riscontrato un allungamento della spina dorsale.

L'assenza di gravità, invece, fa sì che la spina dorsale si allunghi anche di 7 centimetri in 5-6 mesi e questo, oltre al malessere fisico, comporta per gli astronauti, al ritorno a Terra, una probabilità quattro volte superiore di contrarre l'ernia al disco. In più, la mancanza di gravità può far diminuire la massa corporea a un tasso del 2 per cento al mese. La compressione verticale della SkinSuite è progettata per contrastare questi problemi.

L'assenza di gravità causa diversi problemi non solo fisici, ma anche di vita quotidiana. Avere capelli lunghi a bordo della Iss non semplifica di certo le cose. © Nasa

Made in Italy. La tuta, fabbricata dalla Dainese, è stata sottoposta a lunghi test prima di essere portata in orbita. Durante i 10 giorni di prova a Mogensen sono stati ripetutamente fatte misurazioni e analisi sull'altezza, sulla pelle (per l'igiene) e sul comfort. I risultati sono ancora in fase di elaborazione.

21 ottobre 2015 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us