Spazio

Scontro spaziale

Non si tratta di una notizia di carattere astronomico, ma penso che sia il caso renderla nota. Per la prima volta da quando è iniziata l’era spaziale è...

Non si tratta di una notizia di carattere astronomico, ma penso che sia il caso renderla nota. Per la prima volta da quando è iniziata l’era spaziale è avvenuto uno scontro accidentale tra due satelliti artificiali. L’incidente spaziale è avvenuto martedì 10 febbraio ad un’altezza di 790 km sulla Siberia settentrionale. L’Iridium 33, uno dei 66 satelliti per comunicazioni telefoniche e trasmissione dati in orbita polare ancora funzionanti, si è scontrato con il satellite militare russo, anch’esso per telecomunicazioni, Cosmos 2251 della classe Strela, ormai inattivo. La velocità di collisione è stata dell'ordine della decina di km/s.

Immagine artistica di un satellite Iridium.

L' "incidente" ha creato una nube di almeno 600 frammenti che sono stati rilevati dalle stazioni radar del Comando Strategico degli Stati Uniti (US Stratcom) che tengono sotto controllo lo spazio vicino al nostro pianeta. Questo sistema di sorveglianza spaziale segue continuamente oltre 18.000 oggetti tra satelliti e detriti con dimensioni superiori ai 10 cm. È grazie ad esso che si sono evitati impatti di alcuni di questi detriti artificiali, che viaggiano a velocità di diversi km/s, con la Stazione Spaziale Internazionale (ISS), che talvolta è stata costretta ad effettuare delle manovre per evitare possibili collisioni.

Il problema della proliferazione dei detriti spaziali sta diventando sempre più preoccupante, in quanto la popolazione di questa vera e propria spazzatura, creata da attività di vario genere (in particolare di carattere militare), rappresenta ormai una seria minaccia per i satelliti in orbita e in particolare per quelli che portano a bordo degli astronauti. Basti ricordare che i moduli abitati della ISS sono protetti da veri e propri scudi, che però poco posso fare se vengono colpiti da frammenti di dimensioni superiori al centimetro.

Illustrazione schematica della localizzazione dei detriti spaziali che circondano la Terra. I più esterni sono quelli geostazionari e si trovano ad una distanza di circa 36.000, mentre la regione più affollata è quella delle orbite basse, tra 200 e 2.000 km.

Per la verità, già altre tre volte si erano verificate delle collisioni accidentali di cui si è venuti a conoscenza, ma si trattava di oggetti molto più piccoli. Nel caso in questione invece la massa di ciascuno dei due satelliti è intorno ai 700 kg. L’ultimo evento che ha portato alla produzione di una grande quantità di detriti spaziali è stato quello della deliberata distruzione in orbita di un satellite da parte di un missile lanciato dai cinesi, che in questo modo hanno voluto dimostrare le loro capacità di “controllo” dello spazio vicino.

L’”esperimento” fu effettuato nel gennaio 2007 ad una quota analoga a quella a cui è avvento il recente scontro. Il gran numero di detriti prodotto in questa occasione impiegherà diverse decine di anni prima di ricadere e bruciare negli strati bassi dell’atmosfera.

12 febbraio 2009 Mario Di Martino
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us