Spazio

La tettonica delle zolle di ghiaccio di Titano

La mappatura di Titano ha rilevato numerose catene montuose, tutte concentrate vicino all'equatore del satellite di Saturno.

Per gli alpinisti stanchi delle solite arrampicate, ecco la nuova frontiera: una spedizione su Titano, il più grande satellite di Saturno. Su quel mondo lontano la Nasa ha infatti da poco rilevato un bel trio di creste montuose, le Mithrim Monter, la cui cima più alta arriva a 3.337 metri di altezza.

La mappatura è stata realizzata grazie al radar di bordo della sonda Cassini, ancora in orbita attorno a Saturno fino al 2017. Spiega Stephen Wall, del team Cassini al Jet Propulsion Laboratory della Nasa: «La cima identificata non è solo la alta della catena, pensiamo sia anche la più elevata di Titano». Le catene più elevate del satellite di Saturno sono tutte vicino all'equatore (una distribuzione che deve ancora trovare una spiegazione) e hanno tutte una quota media attorno ai 3.000 metri.

Una mappa dei rilievi di Titano. © Nasa/JPL
La sommità del sistema di nubi ghiacciate al polo sud di Titano fotografata da Cassini nel 2012, da 300 km di quota. Oggi la sonda ha individuato un sistema di nubi ancora più imponenti sotto di essa. © Nasa

I ricercatori cercano una spiegazione a queste catene montuose perché sono il risultato di eventi geologici relativamente recenti: «Come esploratori, è emozionante veder crescere i dettagli della nostra mappa di Titano. E tutte queste informazioni, interpretate, ci racconteranno molte cose della sua storia geologica», afferma Jani Radebaugh, della Brigham Young University di Provo (Utah).

Al momento si pensa che le catene montuose siano il risultato dello scontro di placche di ghiaccio che si muovono le une rispetto alle altre, come succede sulla Terra con le zolle. Il movimento delle placche è alimentato dal grande oceano sottostante la crosta, composto da acqua tenuta in movimento dal calore che arriva dal nucleo.

La Terra con indicate le regioni desertiche, ingrandite nei riquadri, con le immagini radar di morfologie superficiali simili a quelle di Titano. © NASA/JPL-Caltech/ASI/ESA

Titano è l'unico satellite del Sistema Solare che presenta laghi e fiumi, e fenomeni atmosferici come venti e piogge, ma ciò che cade dal cielo e riempie vallate e laghi non è acqua, ma idrocarburi, come metano ed etano. La loro forza erosiva però è molto inferiore rispetto agli agenti atmosferici terrestri perché la quantità di energia solare che arriva fino a Titano per alimentare il ciclo degli idrocarburi è inferiore di quella che sulla Terra dà vita al ciclo dell'acqua.

27 marzo 2016 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us