Spazio

Satelliti russi all'inseguimento di un satellite spia americano

La Space Force statunitense accusa i satelliti russi di aggressività: si sono avvicinati a meno di 160 km da un satellite spia americano.

Due satelliti russi si sono inseriti nella stessa orbita di un satellite spia americano usato per fotografare il territorio di altri paesi. John Raymond, generale in capo della Space Force statunitense voluta da Trump, ha dichiarato di aver chiesto una spiegazione a Mosca per questo comportamento definito "inusuale e aggressivo". La risposta dei diplomatici russi non è ancora arrivata, ma l'intelligence americana ha già diverse idee sullo scopo di questi due satelliti.

Spiare la spia. Essendosi avvicinati a meno di 160 km, i due satelliti russi hanno una buona visuale del satellite spia. Forse talmente buona da poter calcolare dove è rivolto l'obiettivo del satellite. Oppure, come dichiara Todd Harrison, direttore del Progetto di Sicurezza Aerospaziale presso il Center for Strategic and International Studies, potrebbero essere equipaggiati in modo tale da intercettarne le comunicazioni (ovviamente criptate).

«Ci sono molte cose che potrebbero fare», ha aggiunto Harrison, «forse stanno semplicemente provando delle manovre orbitali, oppure sono una dimostrazione di abilità rivolta agli Stati Uniti». La preoccupazione che aleggia attorno ai due satelliti russi è forse dettata dalle poche informazioni disponibili a riguardo. Una caratteristica peculiare è però nota: al momento del lancio erano un satellite unico. Solo raggiunta l'orbita il satellite più grande ha espulso il minore.

Spazio ultima frontiera. È difficile prevedere come si evolverà la situazione e nel frattempo l'orologio dell'Apocalisse segna soli 100 secondi alla mezzanotte. Considerando non solo le relazioni internazionali, ma anche quanto facciamo affidamento sui satelliti nella nostra vita quotidiana (da internet alle previsioni meteo), è molto auspicabile un nuovo ed efficace trattato sullo spazio, condiviso e rispettato da tutte le nazioni.

16 febbraio 2020 Davide Lizzani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us