Spazio

Satellite russo disperso a causa di coordinate sbagliate

Un errore umano ha causato la perdita del segnale con un satellite da 45 milioni di dollari: gli erano state date le coordinate di un diverso sito di partenza.

Pensava di partire da Baikonur, in Kazakistan, e invece è partito dallo spazioporto di Vostochny, nel sud-est della Russia... Questo errore (umano) è stato fatale per il satellite da 45 milioni di dollari lanciato un mese fa dall'agenzia spaziale russa Roscosmos. Il Meteor-M, che doveva acquisire informazioni meteorologiche, è ormai disperso nello spazio, senza possibilità di recupero.

Errare è (solo) umano. Dopo aver perso il collegamento col razzo, i tecnici della base hanno dapprima pensato a un problema al secondo stadio (la seconda parte del razzo lanciatore, che accelera il satellite fino alla velocità orbitale), ma successivamente il problema è divenuto chiaro. «Il razzo era stato programmato per partire da Baikonur», ha rivelato alla Tv di stato il vicepresidente russo Dimitry Rogozin. Dopo la ricostruzione preliminare del disastro, infatti, la successiva indagine ha confermato le prime, sciagurate ipotesi.

Il cosmodromo Vostochny.
Il cosmodromo Vostochny. © Roscosmos

Il piede sbagliato. Il razzo non ha così seguito la traiettoria che si aspettavano gli ingegneri di volo e questo ha reso impossibili le comunicazioni col razzo e quindi ogni tentativo di aggiustare i parametri di volo. Ora Meteor-M è disperso assieme ad altri 18 microsatelliti di provenienza statunitense, giapponese, canadese e tedesca. Non è un buon inizio per il nuovo spazioporto russo, costato ben 7 miliardi di dollari.

La base dei record. Se il cosmodromo di Vostochny è nuovo e all'avanguardia, la base di Baikonur (da cui il razzo "pensava" di partire) è uno dei siti più importanti della storia dell'esplorazione spaziale.

Da qui sono infatti partite le missioni Sputnik che hanno portato in orbita il primo satellite artificiale, il primo essere vivente e il primo uomo. Inoltre è da qui che tutt'oggi partono gli astronauti diretti alla Stazione Spaziale Internazionale.

4 gennaio 2018 Davide Lizzani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us