Spazio

La Russia, la guerra e la collaborazione per lo Spazio

Dai programmi congiunti alla sicurezza della Stazione spaziale internazionale: ecco le prime ricadute delle scelte di guerra della Russia sulla ricerca spaziale.

In risposta alle sanzioni europee decise dopo l'invasione russa dell'Ucraina, l'Agenzia spaziale russa - Roscosmos - ha dichiarato sabato che sta richiamando dozzine di ingegneri e tecnici dallo spazioporto europeo di Kourou, nella Guyana francese, e che sta sospendendo le operazioni missilistiche Soyuz che lì si stavano svolgendo, lasciando perciò a terra due satelliti del sistema di posizionamento e navigazione satellitare civile Galileo, il cui lancio era programmato per il 5 aprile.

La decisione, ufficializzata da Dmitry Rogozin, direttore generale dell'Agenzia spaziale russa, mette in discussione anche il futuro a lungo termine della base di lancio Soyuz presso il Centre spatial guyanais, sulla costa nord-orientale del Sud America. Le squadre russe stavano preparando un razzo Soyuz con stadio superiore Fregat per il lancio il 5 aprile: i due satelliti europei e il loro veicolo di lancio russo sono già stati consegnati al centro spaziale, ma i preparativi richiedono l'esperienza dei tecnici russi.

La sospensione della collaborazione con Roscosmos per lo spazioporto di Kourou segue la minaccia di interrompere la collaborazione nel programma della Stazione spaziale internazionale, ventilata il 24 febbraio scorso. Una interruzione che, se messa in atto, potrebbe avere conseguenze disastrose per l'ISS, perché il segmento russo della Stazione spaziale è responsabile della guida, della navigazione e del controllo dell'intero complesso. E i velivoli da carico Russian Progress forniscono periodiche spinte verso l'alto per regolare l'orbita della struttura e garantire che non affondi troppo in basso nell'atmosfera terrestre. Se la Russia togliesse il suo appoggio la ISS potrebbe precipitare in pochi mesi - e questo proprio nel momento in cui era stato fatto un piano dettagliato sulle modalità di dismissione della Stazione spaziale, nel 2028-30.

28 febbraio 2022 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us