Spazio

La Russia, la guerra e la collaborazione per lo Spazio

Dai programmi congiunti alla sicurezza della Stazione spaziale internazionale: ecco le prime ricadute delle scelte di guerra della Russia sulla ricerca spaziale.

In risposta alle sanzioni europee decise dopo l'invasione russa dell'Ucraina, l'Agenzia spaziale russa - Roscosmos - ha dichiarato sabato che sta richiamando dozzine di ingegneri e tecnici dallo spazioporto europeo di Kourou, nella Guyana francese, e che sta sospendendo le operazioni missilistiche Soyuz che lì si stavano svolgendo, lasciando perciò a terra due satelliti del sistema di posizionamento e navigazione satellitare civile Galileo, il cui lancio era programmato per il 5 aprile.

La decisione, ufficializzata da Dmitry Rogozin, direttore generale dell'Agenzia spaziale russa, mette in discussione anche il futuro a lungo termine della base di lancio Soyuz presso il Centre spatial guyanais, sulla costa nord-orientale del Sud America. Le squadre russe stavano preparando un razzo Soyuz con stadio superiore Fregat per il lancio il 5 aprile: i due satelliti europei e il loro veicolo di lancio russo sono già stati consegnati al centro spaziale, ma i preparativi richiedono l'esperienza dei tecnici russi.

La sospensione della collaborazione con Roscosmos per lo spazioporto di Kourou segue la minaccia di interrompere la collaborazione nel programma della Stazione spaziale internazionale, ventilata il 24 febbraio scorso. Una interruzione che, se messa in atto, potrebbe avere conseguenze disastrose per l'ISS, perché il segmento russo della Stazione spaziale è responsabile della guida, della navigazione e del controllo dell'intero complesso. E i velivoli da carico Russian Progress forniscono periodiche spinte verso l'alto per regolare l'orbita della struttura e garantire che non affondi troppo in basso nell'atmosfera terrestre. Se la Russia togliesse il suo appoggio la ISS potrebbe precipitare in pochi mesi - e questo proprio nel momento in cui era stato fatto un piano dettagliato sulle modalità di dismissione della Stazione spaziale, nel 2028-30.

28 febbraio 2022 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us