Focus

Rosetta, Philae e 67/P

Splendide immagini di Rosetta da 67P/Churyumov-Gerasimenko, in attesa di notizie da Philae.

Questa immagine serve per individuare le aree chiamate con nomi diversi in base alle loro caratteristiche morfologiche.

Un'immagine ravvicinata della regione Anuket, in prossimità del piccolo lobo della cometa. Si può osservare un'area relativamente liscia in quanto coperta da polveri che coprono terreni più accidentati. L'immagine è stata scattata quando la sonda Rosetta si trovava a soli 8,5 km dalla superficie.

L'immagine mostra le regioni Apis e Atum. Il lobo più grande della cometa è in primo piano. Immagine ripresa da 40 km d'altezza.

Da 16 km: il confine tra le regioni di Ma'at e di Maftet, sul piccolo lobo della cometa. Nella regione Maftet si vedono delle "terrazze", la cui formazione è ancora da chiarire.

La cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko.

Una ricostruzione di Philae come si suppone possa essere sulla cometa. L'immagine "vera" riguarda solo la parte rocciosa e la parte terminale di una delle tre zampe del rover.

Da 50 km: regione al confinte tra Aten, Bapi, Khepry e Aker, tutte sul lobo grande della cometa. Il collo è chiaramente visibile in primo piano.

Da 50 km: la regione Anubis. Che cosa sono le strane strutture curve vicino al centro, pieghe delle rocce o terrazze erose?

Da 50 km: regione a cavallo tra l'Anubis (in basso a destra) e Seth. Sullo sfondo il piccolo lobo.

Da 27 km: immagine della zona a cavallo tra il collo della cometa (al centro) e il piccolo lobo (a destra). Si possono vedere diverse differenti strutture. Delle pieghe (in basso a sinistra), una superficie liscia (al centro) e una grande frattura (al centro verso destra).

Questa immagine serve per individuare le aree chiamate con nomi diversi in base alle loro caratteristiche morfologiche.