Spazio

Rosetta ancora in ascolto

Rosetta prova di nuovo a captare segnali dal lander Philae, fuori uso dopo pochi giorni dal suo atterraggio di novembre: la luce solare potrebbe risvegliarlo. Vedi tutte le notizie sulla pagina dello speciale Rosetta e la cometa.

Venerdì gli scienziati dell'ESA hanno riacceso i ricevitori della sonda spaziale Rosetta, nella speranza che Philae, il lander atterrato a novembre sulla cometa 67/P Churyumov-Gerasimenko, riceva abbastanza luce solare da risvegliarsi.

Philae ancora K.O. Dopo tre giorni dal suo rocambolesco atterraggio infatti le batterie di Philae sono andate fuori uso. I rimbalzi imprevisti subiti dal lander al momento dell'arrivo sulla cometa l'hanno scaraventato in prossimità di un rilievo che lo ha lasciato in ombra, senza la possibilità di ricaricare i pannelli solari. Le parti elettroniche di Philae richiedono una temperatura superiore ai -45 °C e finora purtroppo rimangono ibernate.

Scienziati fiduciosi. Già a marzo e aprile l'ESA ha fatto qualche tentativo di mettere in contatto Rosetta con il suo lander, senza però ottenere risultati. Ora le condizioni potrebbero migliorare: la cometa si sta avvicinando al Sole e fino al 17 maggio Philae sarà illuminato due volte al giorno per 1 ora e 20 minuti, durante il passaggio in orbita della sonda spaziale. «A maggio inizieremo ad avere buone probabilità di creare un contatto e a giugno sarà anche meglio. Più la cometa si avvicina al Sole, più il lander avrà energia» ha spiegato Stephan Ulamec, responsabile della missione, al Guardian.

C'è tempo fino ad agosto. La speranza è l'ultima a morire, almeno fino ad agosto, quando la cometa ricomincerà ad allontanarsi dal sistema solare. Se Philae riuscirà a dare qualche segnale gli scienziati dovranno innanzitutto capire quanto calore è in grado di immagazzinare prima di decidere i prossimi passi. Potrebbe essere in grado soltanto di misurare temperatura della cometa, oppure fare rilevamenti più impegnativi, come fotografie o esperimenti sulla composizione della superficie. In qualsiasi caso, saranno dati preziosissimi.

Non tutto è perduto. La missione ha comunque fornito agli scienziati informazioni importanti, che hanno permesso di fare luce sulla natura delle comete. È infatti di qualche settimana fa la scoperta che 67/P non ha un campo magnetico, che ha messo in discussione le teorie dominanti sulla loro formazione.

11 maggio 2015 Sara Zapponi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us