Spazio

67P/Churyumov-Gerasimenko: collassi e rimbalzi sulla cometa

Grazie alle immagini della sonda Rosetta possiamo vedere come è cambiata la superficie della cometa 67P mentre passava vicino al Sole.

Le immagini inviate a Terra dalla sonda Rosetta (ESA) dalla sua orbita attorno a 67P/Churyumov-Gerasimenko da gennaio del 2014 a settembre del 2016 sono la cronaca dei cambiamenti avvenuti sulla superficie della cometa, mentre questa si avvicinava al Sole. Il calore della nostra stella ha infatti vaporizzato parte del ghiaccio che compone l'oggetto, che in alcuni casi è stato sparato fuori dal corpo della cometa in spettacolari getti (outburst).

Frane cometarie. Quando, a causa del calore, il ghiaccio contenuto nella cometa passa da una configurazione amorfa a una cristallina, il suo volume aumenta: l'aumento di pressione lo spara verso l'esterno, vincendo la debole forza di gravità della cometa. Il calore del Sole ha conseguenze anche sulla superficie, dove interi dirupi collassano: un evento sorprendente, considerando che la forza di gravità su quell'oggetto è 1/1000 di quella sulla Terra.

Cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko: fotografie dalla sonda Rosetta
Animazione (clicca sull'immagine per avviarla). 67P/Churyumov-Gerasimenko: il getto ripreso il 12 settembre 2015 dalla fotocamera OSIRIS della sonda Rosetta. © ESA

Rolling stones. La forza di gravità della cometa è talmente debole che un astronauta potrebbe vincerla con un salto. Le frane sono infatti possibili solamente in virtù della composizione geologica di 67P: i massi sono molto più fragili di ciò che si potrebbe pensare guardandoli (si stima che siano 100 volte più friabili della neve fresca). Studiando le immagini scattate dalla sonda, i ricercatori del DLR (l'Agenzia spaziale tedesca) hanno visto che un masso di 10 metri di diametro, del peso stimato di 230 tonnellate, è caduto da un dirupo ed è rimbalzato più volte prima di fermarsi.

Cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko: fotografie dalla sonda Rosetta
67P/Churyumov-Gerasimenko: il dirupo ripreso prima e dopo il collasso prodotto da un getto di vapore. © ESA

Le immagini qui sopra sono relative alla zona di connessione dei due lobi che compongono 67P: è la regione che ha subito più cambiamenti mentre la cometa passava al perielio (il punto della sua orbita più vicino al Sole). In quel tratto dell'orbita la sonda Rosetta era parcheggiata a distanza di sicurezza, per evitare che le polveri e i getti la danneggiassero. Questo non ha impedito alla sonda dell'ESA di catturare complessivamente ben 76.000 immagini: un archivio imponente, che darà da studiare per anni agli scienziati.

29 settembre 2019 Davide Lizzani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us