Spazio

Ci ha colpito una meteora "impossibile" (ma nessuno se ne era accorto)

Secondo alcuni scienziati, una meteora che ha impattato il nostro Pianeta nel 2014 aveva una velocità incompatibile con un oggetto che fosse proveniente dal Sistema solare. Ma non tutti sono d'accordo...

Oumuamua, l’asteroide interstellare che ha fatto parlare tanto di sé, potrebbe non essere il primo visitatore del nostro sistema solare proveniente da un’altra stella. Una meteora, che bruciò nell’atmosfera terrestre nel 2014, potrebbe averlo infatti anticipato.

Ogni giorno la Terra viene colpita da circa 100 tonnellate di polveri e rocce spaziali - che finiscono bruciate per la maggior parte bruciato durante l'attraversamento dell’atmosfera - provenienti da frammenti di comete, asteroidi e persino pianeti del sistema solare. Secondo Amir Siraj e Avi Loeb della Harvard University c'è una meteora proviente dal di fuori del sistema solare.

Alla ricerca dell’extraterrestre. La loro scoperta parte dal momento in cui si sono messi a “sfogliare” un catalogo di meteore individuate da un rete di rilevatori di proprietà del Governo degli Stati Uniti, alla ricerca di oggetti che non fossero legati gravitazionalmente al Sole, ossia che sarebbero potuti arrivare dal di fuori del nostro sistema solare.

È un sistema più o meno simile a quello che permise di scovare Oumuamua nel 2017. Così facendo i due ricercatori hanno scoperto che una meteora di circa mezzo metro di diametro, vaporizzata nella nostra atmosfera nel 2014, aveva caratteristiche che facevano supporre una provenienza “extrasistema solare”. Quella meteora infatti, colpì l’atmosfera terrestre a circa 45 chilometri al secondo. Secondo gli studiosi, infatti, se fosse arrivata dall’interno del sistema solare non avrebbe dovuto superare i 20-25 chilometri al secondo.

Oumuamua, asteroidi, Sistema Solare, sistema binario, stelle binarie
Il percorso di Oumuamua (linea tratteggiata) e la traiettoria delle comete nel Sistema Solare (linea chiara). Il dato relativo alla velocità di un oggetto non è sufficiente per affermare con certezza che sia arrivato da fuori il sistema solare. © ESO

Non v'è certezza. Una prova inconfutabile? «No», dice Peter Brown della Western University dell’Ontario in Canada, «perché per avere la certezza bisognerebbe conoscere anche la traiettoria dell’oggetto, che, però, non è possibile ricostruire a partire dai dati disponibili».

Si parla dunque di alta probabilità, ma non certezza assoluta. In ogni caso stando a Loeb una meteora di tal genere potrebbe colpire il nostro pianeta una volta ogni 10 anni, mentre oggetti più grandi come Oumuamua sono molto più rari.

20 aprile 2019 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La morte atroce (e misteriosa) di Montezuma, la furia predatrice dei conquistadores, lo splendore della civiltà azteca perduta per sempre: un tuffo nell'America del sedicesimo secolo, per rivivere le tappe della conquista spagnola e le sue tragiche conseguenze. 

ABBONATI A 29,90€

Il ghiaccio conserva la storia del Pianeta: ecco come emergono tutti i segreti nascosti da milioni di anni. Inoltre: le aziende agricole verticali che risparmiano terra e acqua; i tecno spazzini del web che filtrano miliardi di contenuti; come sarà il deposito nazionale che conterrà le nostre scorie radioattive; a che cosa ci serve davvero la mimica facciale.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa sono i pianeti puffy? Pianeti gassosi di dimensioni molto grandi ma di densità molto bassa. La masturbazione è sempre stata un tabù? No, basta rileggere la storia della sessualità. E ancora: perché al formaggio non si può essere indifferenti? A quali letture si dedicano uomini e donne quando sono... in bagno?

ABBONATI A 29,90€
Follow us