Spazio

Ancora un rinvio per il James Webb Space Telescope

Doveva avere già sostituito Hubble, ma la revisioni dei lavori e la richiesta di altri stanziamenti ha ancora spostato la data di lancio prevista per il nuovo telescopio spaziale, il James Webb.

Il lancio del più grande telescopio spaziale americano mai costruito è stato di nuovo rinviato: ad annunciarlo è la Nasa, che ha fatto sapere che il James Webb Space Telescope, che sarebbe dovuto partire alla fine del 2018, non sarà pronto prima del 2021 - e anche che serve un altro miliardo di dollari per completare il telescopio.

Dichiarazioni doverose, in particolare sui costi, dopo aver preso atto dei risultati di una commissione di inchiesta indipendente che ha stimato lo stato attuale dei lavori sul telescopio spaziale. La commissione è stata nominata la scorsa primavera, dopo che alcune parti del telescopio si erano staccate dal corpo centrale durante le prove di sollecitazione in fase di lancio. In quell'occasione circa 70 elementi di fissaggio di varia strumentazione si sono allentati e alcuni si sono staccati e persi. Un ovvio motivo di grande preoccupazione.

Errori e superficialità. Secondo gli esperti della commissione, all'origine di ciò che ha portato a una crisi senza precedenti nella costruzione di un telescopio spaziale vi sono errori umani, eccessivo ottimismo e la complessità ampiamente sottovalutata del telescopio stesso. Il progetto del James Webb nasce da una collaborazione tra la Nasa e l'Esa, l'Agenzia spaziale europea, ed è stato fin qui un asperanza per gli astronomi, in quanto erede evoluto del telescopio spaziale Hubble.

James Webb Space Telescope, Hubble, telescopi spaziali, origine universo, pianeti extrasolari, Nasa
Si prevede di posizionare il James Webb a circa 1,5 milioni di chilometri dalla Terra. © NASA-ESA

Purtroppo, fin dall'inizio della costruzione, i ritardi e i problemi sono stati all'ordine del giorno, a partire dai costi - che erano evidentemente stati valutati al ribasso. Circa nove anni fa, all'inizio, era infatti stato fissato un budget di 8 miliardi di dollari: il budget è però già stato superato di 800 milioni, e stime molto conservative parlano della necessità di ulteriori 800 milioni - portando il tutto vicino ai 10 miliardi di dollari - sempre che non succeda altro ancora.

È certo che il Congresso Usa stanzierà ciò che serve, anche per non perdere quanto fatto finora o per non consegnare il progetto ad altri Paesi, ma a quale prezzo? La vittima potrebbe essere l'ambizioso telescopio WFirst, che dovrebbe cercare l'energia oscura e i pianeti extrasolari.

Ai confini del tempo. Lo specchio del telescopio James Webb ha un diametro di 6,5 metri (quello di Hubble è di 2,4 metri). Potrà raccogliere molta più luuce di Hubble e, in questo modo, osservare anche oggetti nati poco dopo il Big Bang. Gli astronomi sperano proprio in questo: vedere e studiare quello che c'era appena 150 milioni di anni dopo la nascita dell'Universo, un "momento" di cui non conosciamo nulla, se non da un punto di vista teorico.

James Webb Space Telescope, Hubble, telescopi spaziali, origine universo, pianeti extrasolari, Nasa
Illustrazione: gli specchi dei telescopi spaziali James Webb (a sinistra) e Hubble a confronto. © NASA-ESA

Per osservare quegli oggetti il telescopio scandaglierà nell'infrarosso, perché la luce prodotta da quelle antiche stelle è stata "stirata" nel tempo a causa del loro allontanamento e oggi si possono appunto scoprire solamente nell'infrarosso, lunghezza d'onda ottimale anche per lo studio dei pianeti extrasolari.

Per lavorare nell'infrarosso, però, il telescopio dovrà essere molto freddo e perciò, nello spazio, dispiegherà un ombrello gigante, grande quanto un campo da tennis, per proteggersi dalle radiazioni solari.

2 luglio 2018 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us