Spazio

Quando il viola dominava sulla Terra...

Il viola è il colore dei paramenti sacri, della spiritualità, delle superstizioni più teatrali. Ma riserva anche qualche sorpresa "cosmica".

Quando il viola dominava sulla Terra...
Il viola è il colore dei paramenti sacri, della spiritualità, delle superstizioni più teatrali. Ma riserva anche qualche sorpresa "cosmica".

Tra meraviglia e inquietudine: ecco come potrebbe
apparire un pianeta extra solare agli occhi dei primi
esploratori. I colori sono tutti... "sbagliati".


Il colore della vegetazione terrestre? Verde, ok (era facile), ma perché proprio verde e non blu, per esempio, o amaranto? Anche questa è facile: la fotosintesi si "nutre" soprattutto di luce rossa (la parte più abbondante della radiazione che dal Sole raggiunge la Terra) e di luce blu (che è la più "energetica"). Quella verde viene invece assorbita solo in parte e per il resto riflessa, perciò vediamo quel colore e non un altro.

Altre stelle, altri mondi...
Ma se il nostro Sole fosse di tipo diverso? O se l'atmosfera si comportasse in modo diverso con le varie lunghezze d'onda (colori) che ci arrivano dal Sole? Ecco, questa domanda non è per niente facile ed è il tema affascinante della ricerca coordinata da Nancy Kiang, del Nasa Goddard Institute for Space Sciences (New York), esobiologa. In collaborazione col Nasa Virtual Planetary Laboratory ha elaborato e descritto i possibili scenari che si aprirebbero agli astronauti sbarcati su pianeti extra solari di "classe Terra" (stessa massa, distanza compatibile dalla loro stella eccetera). In buona sostanza la conclusione è che l'analisi delle radiazioni della stella e della composizione dell'atmosfera del pianeta possono dare indicazioni molto precise sui colori dominanti del nuovo mondo.

Il verde potrebbe essere l'esito del feroce
confronto tra le prime forme di vita terrestre
(foto: © Aalok Gaitonde).
La Terra è verde. Oggi
Per lo stesso principio la Terra non potrebbe essere che come è. Ma è sempre stato così? Il microbiologo Shil DasSarma (Università del Maryland) è convinto che un tempo il viola fosse il colore dominante del nostro pianeta. Altro che verde clorofilla: gli alobatteri (microbi primordiali) sono infatti caratterizzati da una membrana che trasforma la luce (radiazione) verde del sole in viola. E nella notte dei tempi, questo pigmento, essendo meno complesso della clorofilla, avrebbe avuto più chance di produrre ossigeno e, di conseguenza, "la vita". Ma allora com'è che ci ritroviamo un pianeta verde? Secondo DasSarma col passare del tempo la clorofilla si sarebbe rivelata più efficiente, imponendo così il suo colore. Un'ipotesi suggestiva, ma dalla comunità scientifica arriva un invito alla cautela... un banale cambio di colore potrebbe voler dire riscrivere l'intera storia dell'evoluzione.

(Notizia aggiornata al 12 aprile 2007)

12 aprile 2007
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us