Spazio

Quando i mondi collidono

Secondo i risultati di un recente studio realizzato da un gruppo di astronomi statunitensi, attorno ad una stella poco più grande del Sole e distante da noi...

Secondo i risultati di un recente studio realizzato da un gruppo di astronomi statunitensi, attorno ad una stella poco più grande del Sole e distante da noi circa 300 anni luce è presente un denso anello di detriti rocciosi e polveri che sono il risultato di una collisione catastrofica fra due pianeti di grandi dimensioni. Per giungere a questa conclusione, i ricercatori hanno utilizzato una serie di osservazioni nei X e nell’infrarosso di questa stella che è denominata con l’anonima sigla BD+20 307. In un primo momento si era pensato che questa stella fosse giovane e che il disco di materia che la circonda fosse costituito dai residui della formazione di un sistema planetario, ma agli inizi di quest’anno un altro studio aveva mostrato che in realtà si trattava di un sistema binario che le due componenti avevano un’età di diversi miliardi di anni. Se le due stelle hanno un’età così elevata, come mai attorno ad esse è ancora presente una così grande quantità di polveri che sono localizzate ad una distanza dalla coppia stellare pari a quella che grosso modo separa la Terra dal Sole?

L’enorme quantità di polveri osservate attorno ad una coppia di stelle potrebbe essere il risultato di una collisione catastrofica tra due pianeti di dimensioni simili alla Terra.

Secondo le attuali teorie sulla formazione di pianeti, infatti, la maggior parte del materiale residuo dopo così lungo tempo sarebbe dovuto essere stato spazzato via dalla presenza dei pianeti e dall’azione della pressione di radiazione delle due stelle. Ma non sembra essere così.

L’unica spiegazione plausibile è quindi che nel sistema planetario che circonda BD+20 307 si sia verificata un’immane collisione tra due oggetti di dimensioni paragonabili alla Terra e a Marte, con la produzione di un’enorme quantità di polveri e di detriti rocciosi. Un evento del genere si verificò molto probabilmente poco dopo la formazione del nostro pianeta, circa 4,5 miliardi di anni fa, quando un corpo planetario delle dimensioni di Marte collise con la Terra proiettando nello spazio una grande quantità di materia che successivamente in buon parte si riaggregò per formare la Luna.

2 ottobre 2008 Mario Di Martino
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us