Spazio

Un oceano immenso avvolge il nostro vicino extrasolare?

Proxima b: l'esopianeta a 4 anni luce dalla Terra, è forse un pianeta-oceano.

Lo scorso agosto un gruppo di astronomi aveva annunciato la scoperta di quello che sembra essere un pianeta extrasolare simile alla Terra in orbita attorno a Proxima Centauri, la stella più vicina al nostro sistema solare.

Chiamato Proxima b, il pianeta si trova a soli 4,25 anni luce di distanza dalla Terra: circa 40 miliardi di chilometri o, detto in altro modo, 271.000 volte la distanza Terra-Sole. Dalle analisi eseguite sembra essere un pianeta roccioso alla giusta distanza dalla sua stella per sostenere acqua liquida.

Ora gli scienziati del Laboratoire d'Astrophysique de Marseille (Francia), affermano di avere ricavato prove consistenti che dimostrerebbero la possibilità che il pianeta sia ricoperto da acqua liquida, «e non è da escludere che il pianeta possa essere addirittura completamente ricoperto da un unico oceano», affermano i ricercatori. A questa conclusione sono giunti elaborando tutti i dati a disposizione: dalle dimensioni del pianeta alle possibili proprietà superficiali, fino alla distanza dalla sua stella.

Proxima b
Rappresentazione artistica di Proxima b in orbita intorno alla nana rossa Proxima Centauri, la stella più vicina al Sistema Solare. Proxima b è poco più massiccio della Terra e si trova all'interno della zona abitabile della sua stella, la zona in cui le temperature permettono all'acqua eventualmente presente sul pianeta di rimanere allo stato liquido. © ESO/M. Kornmesser

Tanti mari o un unico profondo oceano. Risulta che il raggio del pianeta è compreso tra 0,94 e 1,4 volte quello della Terra. Se si prende il valore più basso, il raggio sarebbe di 5.990 km e le simulazioni del gruppo di ricerca hanno ipotizzato che con questo scenario il pianeta dovrebbe essere molto denso e possedere un nucleo metallico che costituirebbe i due terzi della massa totale.

Il nucleo sarebbe circondato da un mantello roccioso, e in questo caso la quantità di acqua superficiale costituirebbe circa lo 0,05 per cento della massa totale del pianeta, molto simile a quella della Terra, che è di circa lo 0,02 per cento.

Se si considera invece il valore più alto, il raggio sarebbe di 8.920 km e la massa di Proxima b sarebbe tale che si dovrebbe pensare ad un pianeta composto per il 50 per cento da rocce e per il 50 per cento da acqua. In questo caso Proxima b sarebbe ricoperto da un unico grande oceano che potrebbe avere una profondità di 200 km.

In cerca di certezze. Entrambe le simulazioni suggeriscono che il pianeta dovrebbe possedere una sottile atmosfera gassosa, la cui composizione però non è possibile precisare. Al momento questi quadri rimangono delle ipotesi e tali rimarranno finché non avremo a disposizione strumenti in grado di studiare le caratteristiche superficiali dei pianeti di tipo terrestre.

7 ottobre 2016 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us