Spazio

Il test del razzo Artemis che ci riporterà sulla Luna non sta andando benissimo

Una (lunga) serie di inconvenienti sta ritardando l'esecuzione del "lancio simulato" di Artemis, il razzo che l'anno prossimo dovrebbe riportarci sulla Luna.

Non sta andando per il meglio la prova finale del razzo della NASA SLS (Space Launch System) che a maggio (stando ai piani precedenti) sarebbe dovuto partire per la Luna per una importante prova senza equipaggio, in vista del primo lancio con astronauti attorno alla Luna che dovrebbe avvenire (o, a questo punto, sarebbe dovuto avvenire) nel 2023. 

Come un vero lancio. La settimana scorsa il razzo che darà vita alla missione chiamata Artemis 1 era stato portato sulla rampa di lancio per il test finale che consiste nel riempire i serbatoi del razzo stesso ed eseguire le procedure che precedono il lancio vero e proprio. In altre parole si sarebbe dovuto procedere al conto alla rovescia fino al momento finale, ma senza accendere i motori.

La prova era in programma tra la fine di domenica 3 aprile e le prime ore del 4 aprile e si sarebbe dovuta concludere con il rientro del razzo nell'hangar, per le dovute verifiche. Domenica, però, il conto alla rovescia simulato è stato bloccato per un problema alla rampa di lancio. Più precisamente c'è stato un malfunzionamento nei ventilatori che disperdono i gas che fuoriescono dal razzo. Occorre infatti evitare che si accumulino questi gas alla base del razzo perché in certe condizioni potrebbe innescarsi un incendio. Il test è stato dunque sospeso e rinviato al giorno dopo, in attesa di risolvere il problema, cosa che nel frattempo è accaduta. 

Pure i fulmini! Così lunedì 4 aprile, dopo che un fulmine aveva colpito la rampa di lancio senza alcuna conseguenza, le prove sono riprese, ma a questo punto si è verificato un problema al sistema che serve per raffreddare l'ossigeno al fine di renderlo liquido. Questo problema ha causato un'ulteriore ritardo, ma alla fine è stato anch'esso risolto. 

Ma come se non bastasse, durante il riempimento del serbatoio del razzo una valvola di sfiato dello stadio centrale si è bloccata. Si tratta di una valvola che ha il compito di scaricare la pressione dello stadio centrale durante il riempimento dell'ossigeno. Se non funzionasse, questo comporterebbe il pericolo di un'esplosione. Dunque, ancora uno stopo. 

E adesso? Attualmente (alla mattina di martedì 5 aprile in Italia) i tecnici sono ancora alle prese con la soluzione di questo problema problema. Il conto alla rovescia è stato riportato a -43 ore dal "lancio": al momento sembra che, una volta trovata la soluzione, il test dovrebbe riprendere da questo punto (ma non è confermato).

Questi inconvenienti hanno intanto già causato un ritardo per il lancio della prima missione totalmente privata verso la Stazione Spaziale Internazionale, la Axiom-1,  inizialmente prevista per il 6 aprile e ora rimandata all'8. La speranza è che non vi siano altri ritardi, perché un ulteriore rinvio di questa missione potrebbe comportare, a cascata, un  ulteriormente ritardo anche per il lancio della Crew-4, che vedrà a bordo anche l'astronauta italiana Samantha Cristoforetti.

5 aprile 2022 Luigi Bignami
Tag scienza - spazio - artemis - luna - nasa - sls - orion - test
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us