Spazio

Il primo film girato sulla Stazione spaziale

Un'attrice russa è in orbita attorno alla Terra per realizzare un film a bordo della Stazione spaziale internazionale: è una prima assoluta.

Non è un'astronauta, e neanche una super riccona: Julija Peresil'd, 37 anni, è un'attrice russa di origine ucraina che nel suo Paese ha raggiunto una certa fama grazie a ruoli televisivi, al cinema e in teatro. Ma stavolta il suo nuovo personaggio l'ha portata nientemeno che nello Spazio, e non si tratta di finzione cinematografica! Lo scorso 5 ottobre, infatti, Julija è andata in orbita, su una navicella Sojuz, insieme al regista Klim Šipenko e al cosmonauta Anton Škaplerov, un veterano alla quarta missione orbitale. I tre ora si trovano sulla Stazione spaziale internazionale, dove hanno raggiunto i sette astronauti che erano già a bordo.

Chirurgo orbitante. A distanza di poche settimane dalla missione Inspiration4 di SpaceX, che ha inviato quattro "civili" in orbita (ma senza attraccare alla Stazione spaziale) su una capsula Dragon, ecco che in questi giorni sopra le nostre teste volano altre due persone che non sono astronauti professionisti.

Julija Peresil’d
L'attrice Julija Peresil’d in fase di addestramento. © CPK/RosCosmos

Julija e Klim saranno i primi a realizzare un vero film, intitolato provvisoriamente The Challenge, a bordo della Stazione: la trama racconta l'avventura di una dottoressa-chirurgo che viene inviata nello Spazio per salvare la vita a un astronauta che ha avuto un arresto cardiaco durante una "passeggiata spaziale". Le scene in orbita dovrebbero occupare 35-40 minuti della durata complessiva del film. Lei e Šipenko, dato che la troupe è di necessità ridotta, svolgeranno tutte le funzioni dell'intera troupe: riprese, suono, luci, trucco e via dicendo.

Scelta tra 3.000 candidate. Per selezionare l'attrice, l'agenzia spaziale russa Roscosmos e Channel One Russia hanno indetto un concorso al quale hanno risposto in circa 3.000, e tra queste sono state selezionate venti finaliste. Dopo i test medici e attitudinali, la commissione di esperti ha scelto Julija Peresil'd come interprete del ruolo principale. Attrice e regista hanno quindi svolto un training di qualche mese, che ha previsto voli parabolici a gravità zero, centrifuga, lanci con il paracadute e addestramento in una riproduzione del segmento russo della Stazione.

L'equipaggio della ISS si ritrova perciò in questi giorni con un diversivo davvero originale, la ripresa delle scene del film, che tuttavia non disturberà il lavoro a bordo - anche se è previsto che partecipino alle riprese (nel loro tempo libero, immaginiamo) altri due cosmonauti: Oleg Novickij e Pëtr Dubrov. Non si sa invece se gli astronauti americani, europei e giapponesi presenti sulla ISS siano stati invitati a comparire. Il film, finanziato in parte dal Fondo federale russo per il supporto sociale ed economico della cinematografia nazionale e da Channel One, ha fatto nascere qualche critica nella comunità scientifica russa, che fa notare come siano state distolte risorse per iniziative forse più importanti.

E Tom Cruise? Ancora non si sa. D'altra parte, The Challenge è visto dalla Russia come un'opportunità per aumentare il prestigio del proprio programma spaziale. E segna un punto d'orgoglio a suo favore nei confronti degli Stati Uniti: nel 2020 infatti si era parlato di un film con Tom Cruise sulla Stazione spaziale. Ma Tom è ancora a Terra e non ci sono notizie certe sulla sua missione spaziale, mentre Julija Peresil'd e Klim Šipenko stanno lavorando in orbita. Dovrebbero rientrare il 17 ottobre, sempre con una Sojuz, e il loro "space drama" sarà distribuito verso la fine del prossimo anno.

10 ottobre 2021 Gianluca Ranzini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La (brutta) storia della follia raccontata attraverso i re e gli imperatori ritenuti pazzi, i rimedi adottati nei secoli per “curarla” e l'infinita serie di pregiudizi e superstizioni che hanno reso la vita dei malati un inferno peggiore del loro male. E ancora: quando le donne si sfidavano a duello; la feroce Guerra delle due Rose, nell'Inghilterra del '400.

ABBONATI A 29,90€

Senza l'acqua non ci sarebbe la Terra, l'uomo è l'animale che ne beve di più, gli oceani regolano la nostra sopravvivenza: un ricco dossier con le più recenti risposte della scienza. E ancora: come agisce un mental coach; chi sono gli acchiappa fulmini; come lavorano i cacciatori dell'antimateria; il fiuto dei cani al servizio dell'uomo.

ABBONATI A 29,90€
Follow us