Spazio

Il primo film girato sulla Stazione spaziale

Un'attrice russa è in orbita attorno alla Terra per realizzare un film a bordo della Stazione spaziale internazionale: è una prima assoluta.

Non è un'astronauta, e neanche una super riccona: Julija Peresil'd, 37 anni, è un'attrice russa di origine ucraina che nel suo Paese ha raggiunto una certa fama grazie a ruoli televisivi, al cinema e in teatro. Ma stavolta il suo nuovo personaggio l'ha portata nientemeno che nello Spazio, e non si tratta di finzione cinematografica! Lo scorso 5 ottobre, infatti, Julija è andata in orbita, su una navicella Sojuz, insieme al regista Klim Šipenko e al cosmonauta Anton Škaplerov, un veterano alla quarta missione orbitale. I tre ora si trovano sulla Stazione spaziale internazionale, dove hanno raggiunto i sette astronauti che erano già a bordo.

Chirurgo orbitante. A distanza di poche settimane dalla missione Inspiration4 di SpaceX, che ha inviato quattro "civili" in orbita (ma senza attraccare alla Stazione spaziale) su una capsula Dragon, ecco che in questi giorni sopra le nostre teste volano altre due persone che non sono astronauti professionisti.

Julija Peresil’d
L'attrice Julija Peresil’d in fase di addestramento. © CPK/RosCosmos

Julija e Klim saranno i primi a realizzare un vero film, intitolato provvisoriamente The Challenge, a bordo della Stazione: la trama racconta l'avventura di una dottoressa-chirurgo che viene inviata nello Spazio per salvare la vita a un astronauta che ha avuto un arresto cardiaco durante una "passeggiata spaziale". Le scene in orbita dovrebbero occupare 35-40 minuti della durata complessiva del film. Lei e Šipenko, dato che la troupe è di necessità ridotta, svolgeranno tutte le funzioni dell'intera troupe: riprese, suono, luci, trucco e via dicendo.

Scelta tra 3.000 candidate. Per selezionare l'attrice, l'agenzia spaziale russa Roscosmos e Channel One Russia hanno indetto un concorso al quale hanno risposto in circa 3.000, e tra queste sono state selezionate venti finaliste. Dopo i test medici e attitudinali, la commissione di esperti ha scelto Julija Peresil'd come interprete del ruolo principale. Attrice e regista hanno quindi svolto un training di qualche mese, che ha previsto voli parabolici a gravità zero, centrifuga, lanci con il paracadute e addestramento in una riproduzione del segmento russo della Stazione.

L'equipaggio della ISS si ritrova perciò in questi giorni con un diversivo davvero originale, la ripresa delle scene del film, che tuttavia non disturberà il lavoro a bordo - anche se è previsto che partecipino alle riprese (nel loro tempo libero, immaginiamo) altri due cosmonauti: Oleg Novickij e Pëtr Dubrov. Non si sa invece se gli astronauti americani, europei e giapponesi presenti sulla ISS siano stati invitati a comparire. Il film, finanziato in parte dal Fondo federale russo per il supporto sociale ed economico della cinematografia nazionale e da Channel One, ha fatto nascere qualche critica nella comunità scientifica russa, che fa notare come siano state distolte risorse per iniziative forse più importanti.

E Tom Cruise? Ancora non si sa. D'altra parte, The Challenge è visto dalla Russia come un'opportunità per aumentare il prestigio del proprio programma spaziale. E segna un punto d'orgoglio a suo favore nei confronti degli Stati Uniti: nel 2020 infatti si era parlato di un film con Tom Cruise sulla Stazione spaziale. Ma Tom è ancora a Terra e non ci sono notizie certe sulla sua missione spaziale, mentre Julija Peresil'd e Klim Šipenko stanno lavorando in orbita. Dovrebbero rientrare il 17 ottobre, sempre con una Sojuz, e il loro "space drama" sarà distribuito verso la fine del prossimo anno.

10 ottobre 2021 Gianluca Ranzini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us