Che cosa c'era prima del Big Bang? La versione di Hawking

Il fisico britannico alle prese con una delle domande più complesse di sempre: ha senso parlare di un "prima"? Esisteva il tempo così come lo intendiamo?

shutterstock_398879401
E prima, che cosa c'era? Chiederselo non ha molto senso: non lo potremmo misurare. Vedi anche: quando sono nate le prime stelle?|Shutterstock

C'è stato un tempo, prima dell'inizio del tempo? La domanda che oltrepassa i confini dell'astrofisica per entrare nel dominio della filosofia è stata girata, questa volta, a Stephen Hawking. In un'intervista per la trasmissione Star Talk condotta dal collega Neil deGrasse Tyson, lo scienziato britannico si è misurato con questo dilemma, a cui ha fornito una risposta tutto sommato semplice: non ha senso parlare di un tempo prima della nascita dell'Universo, sostiene Hawking, perché il tempo è stato sempre presente, sebbene in una forma diversa da quella che noi umani siamo abituati a misurare.

Senza interruzioni. Hawking ha spiegato questa posizione appellandosi alla teoria del continuum spazio-temporale: «I confini dell'Universo non esistono. Lo spazio-tempo euclideo è una superficie chiusa senza fine, come la superficie della Terra. Non c'è nulla a sud del Polo Sud, allo stesso modo non esiste nulla prima del Big Bang».

 

Proviamo a capire... Immaginiamo di poter premere "rewind" sul telecomando del tempo fino ad arrivare a 13,8 miliardi di anni fa: avvicinandoci all'inizio, l'Universo si contrae sempre di più fino a raggiungere le dimensioni di un singolo atomo. In questo granello ultracompatto di calore ed energia le leggi della fisica e del tempo così come le conosciamo cessano di funzionare.

 

Non c'è uno zero. Nell'immaginario viaggio a ritroso fino alle origini, la linea del tempo si assottiglia all'infinito a mano a mano che l'Universo si fa più piccolo, senza mai raggiungere un punto di partenza. Prima del Big Bang il tempo era ripiegato, curvo su se stesso: «Si avvicinava a raggiungere il niente, ma non è mai stato il niente», racconta Hawking: «non c'è mai stato un Big Bang che ha prodotto qualcosa dal nulla. Sembra così soltanto da una prospettiva umana».

 

In un passato intervento su questo tema, Hawking aveva scritto: «Gli eventi precedenti al Big Bang sono semplicemente non definiti, perché non c'è modo di misurare che cosa sia successo a tali eventi. Poiché gli eventi avvenuti prima del Big Bang non hanno conseguenze osservazionali, si possono anche tagliare fuori dalla teoria, e dire che il tempo è iniziato con il Big Bang».

 

 

 

06 Marzo 2018 | Elisabetta Intini