Spazio

Ingegneria italiana per evitare nuova spazzatura spaziale

Un nuovo sistema di propulsione intelligente consente il rientro automatico controllato dei satelliti in orbita, a fine vita o in caso di incidenti: il 23 giugno il primo test in orbita.

Oggi orbitano intorno alla terra oltre 6 mila satelliti artificiali: il 78% non è più in funzione, senza contare le centinaia di milioni di piccoli frammenti generati da esplosioni e collisioni in orbita. Abbandonati a loro stessi, i satelliti si deteriorano e rischiano di collidere con altri oggetti spaziali (avete visto il film Gravity? così lo hanno commentato dalla Nasa...) o addirittura di caderci sulla testa.

Un italiano ha trovato una soluzione efficace per risolvere il problema: motori intelligenti da installare sui satelliti, in grado di pilotare il rientro dell'oggetto al termine della sua vita operativa, per farlo bruciare in atmosfera esattamente nel punto voluto, al di sopra di un'area della superficie terrestre dove non si corrano rischi per la popolazione e in modo sostenibile dal punto di vista economico. D-Sat, il primo satellite al mondo con la capacità di rimuoversi dall'orbita in maniera controllata, verrà lanciato venerdì 23 giugno 2017: a sviluppare questa tecnologia è stata D-Orbit, azienda italiana fondata nel 2011 da Luca Rossettini, ingegnere del Politecnico di Milano.

Successo italiano. È una missione storica per il settore aerospaziale italiano: dopo essere arrivati terzi nel lancio di un satellite in orbita, dopo Urss e Usa in piena Guerra fredda, il nostro Paese è il primo a mandare nello Spazio una tecnologia capace di rimuovere un satellite in modo intelligente.

Il satellite avrà a bordo il D-Orbit Decommissioning Device (D3), un sistema di propulsione sviluppato per rimuovere in modo calcolato il satellite dall'orbita alla fine della missione o in caso di malfunzionamento. «È una tecnologia che può essere adattata a satelliti di ogni dimensione», afferma Rossettini: «il nostro obiettivo è quello di vedere installato un sistema di questo tipo in ogni nuovo satellite entro il 2025. Abbiamo già ricevuto contratti per sviluppare un D3 potenziato, da poter utilizzare con i satelliti tipici dei programmi Europei.» Nel video qui sotto, Rossettini illustra i punti salienti del suo programma.

Questo successo Rossettini e il suo team hanno dovuto sudarselo: «Quando abbiamo iniziato, non abbiamo trovato molti consensi. Volevamo mettere alla prova il sistema, ma non abbiamo trovato nessuno chi ci desse un passaggio in orbita. Abbiamo deciso di farlo comunque, così ci siamo arrangiati e abbiamo costruito il nostro satellite, il D-SAT che sarà lanciato il 23 giugno. Questo ora ci permette di posizionarci sul mercato anche con dei prodotti innovativi, come il nuovo InOrbit Now, un lanciatore per piccoli satelliti capace di portarli nella giusta posizione e di autoeliminarsi a fine missione, senza lasciare immondizia».

D-SAT è una missione che entrerà nella storia sia per la sua importanza tecnologica, sia per un nuovo modo di "fare spazio". D-Orbit infatti è una delle prime aziende europee a diventare una Benefit Corporation, ed è la prima benefit spaziale: mentre in un'azienda tradizionale gli azionisti valutano esclusivamente i risultati finanziari, una Benefit Corp è tenuta, dal proprio stato giuridico, a perseguire sia il profitto sia il beneficio comune.

Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us