Scienza

Il ritorno di Plutone

Dal 2006 Plutone non è più considerato un pianeta. Ora alcuni scienziati sostengono che declassarlo sia stata una scelta sbagliata. Ecco perché.

Ex membro del "club dei 9" del Sistema Solare, dal 2006 Plutone è stato "declassato" da pianeta a pianeta nano. Una misera fine che a molti non è mai piaciuta, vuoi per abitudine, vuoi per ragioni affettive, vuoi perché avevano già imparato a memoria i nomi dei 9, dal più vicino al Sole al più lontano... A contestare il declassamento si sono però adesso aggiunti gli astronomi della Universiy of Central Florida: secondo la loro ricerca, i criteri per definire "pianeta" un oggetto celeste, stabiliti dall'Unione Astronomica Internazionale, sarebbero quantomeno discutibili.

La definizione dell'UAI (quella che nel 2006 cacciò Plutone dal club) vuole che un pianeta, per essere tale, debba soddisfare tre requisiti: essere abbastanza massiccio perché la sua gravità gli conferisca una forma tondeggiante; orbitare intorno al Sole; e (attenzione) dominare la propria orbita, ovvero aver sgomberato la sua "zona" di Sistema Solare da altri corpi celesti.

New Horizons, Plutone, Caronte, Nasa
Plutone ha ben 5 satelliti. Il più grande di questi è Caronte, riconoscibile per la macchia rossastra chiamata "Mordor Macula" © Nasa

Escluso! Il resto è storia: Plutone, condividendo la sua orbita con tanti altri piccoli oggetti trans-nettuniani, perse il suo status di pianeta. Questa decisione fu subito criticata, prima dagli appassionati, ma ora al coro si è appunto unita la squadra di astronomi capitanata da Philip Metzger, planetologo del Florida Space Institute.

Il team ha indagato le basi storiche del requisito della dominanza orbitale. Soprattutto, ha preso in esame un "precedente" storico, simile all'attuale.

Asteroidi e pianeti nani. Nella prima metà del 1800, le continue scoperte di nuovi piccoli "pianeti" (Cerere, Vesta, Pallade...) fecero storcere il naso agli astronomi. I quali, per non avere decine di nuovi pianeti, classificarono i nuovi arrivati come asteroidi. Allo stesso modo, le recenti scoperte di tanti oggetti simili a Plutone (Haumea, Makemake, Sedna...) hanno spinto gli astronomi a creare lo scatolone "pianeta nano" in cui stipare questi corpi celesti (oggi solo 5, ma destinati ad aumentare sempre più).

Pianure, dune e ghiacciai. Tutto questo in un'area di 500 x 340 km. © NASA/JHUAPL/SwRI

(Ir)rilevanza storica. Tuttavia, come puntualizza Philip Metzger, negli ultimi due secoli il requisito di dominanza orbitale non ha mai avuto importanza - tranne in una singola pubblicazione del 1804. Storicamente gli astronomi hanno invece tracciato una linea di confine basandosi sulla complessità e sulla composizione del corpo celeste, non su un parametro estrinseco e mutevole come la quantità di sassi spaziali nella sua orbita.

Le caratteristiche di Plutone sono diverse da quelle che ci si aspettava: che cosa potrebbero riservare pianeti grandi come Nettuno, se davvero esistono al di là di Plutone? © Nasa

«La categorizzazione dell'UAI dice che i pianeti devono essere definiti sulla base di un concetto che in ambito di ricerca non usa nessuno», dichiara Metzger, «e che lascerebbe fuori il secondo pianeta più complesso e interessante del Sistema Solare". Inoltre, continua il planetologo, «abbiamo una lista di più di 100 esempi recenti di planetologi che usano la parola "pianeta" in un modo che viola la definizione dell'UAI, ma lo fanno lo stesso perché è funzionalmente utile».

Born in Usa. Forse però fra i motivi delle proteste c'è anche del banale campanilismo: Plutone è infatti l'unico (ex)pianeta scoperto da uno statunitense, l'astronomo Clyde Tombaugh. Per altri è una questione di principio, come per un personaggio della serie animata Rick and Morty, che ha un intero episodio dedicato alla questione Plutone.

La sonda New Horizon della NASA. Ha osservato Plutone da vicino ed ora è in viaggio verso un pianetino: Ultima Thule © Nasa

Una cosa è certa: qualunque sia la categoria con cui decideremo di etichettarlo, Plutone rimane un oggetto affascinante e sorprendente. Le immagini della sonda New Horizons hanno svelato un mondo estremamente complesso e variegato. Forse sono state proprio queste immagini a spingere Alan Stern, il responsabile della missione New Horizons, a unirsi al team di Metzger in questa campagna di riabilitazione planetaria.

21 settembre 2018 Davide Lizzani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

In viaggio con Dante Alighieri: per scoprire il “suo” Medioevo, seguirlo sulla via dell'esilio e capire i motivi che lo spinsero a scrivere la Divina Commedia, pietra miliare della lingua e della letteratura italiana. E ancora: i segreti di Madame Claude, la maitresse più famosa di Parigi che “inventò” le ragazze squillo; nella Napoli di Gioacchino Murat, il cognato coraggioso e spavaldo di Napoleone.

ABBONATI A 29,90€

Le nostre attività lasciano un’impronta sull’ambiente, ma dobbiamo vivere in un mondo più sostenibile. Come fare? Inoltre: Voyager 2, la navicella più longeva nella storia delle missioni spaziali; come funzionano i reparti di terapia intensiva dove si curano i malati della CoViD-19; cos'è davvero il letargo per gli animali.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us