Spazio

Più frequenti gli eventi come quello di Tunguska

Secondo i risultati di un recente studio effettuato da ricercatori dei superlaboratori Sandia (Albuquerque, New Mexico, USA), l’esplosione che il 30 giugno...

Secondo i risultati di un recente studio effettuato da ricercatori dei superlaboratori Sandia (Albuquerque, New Mexico, USA), l’esplosione che il 30 giugno 1908 distrusse oltre 2.000 km2 di foresta nella regione di Tunguska (Siberia Centrale) sviluppò un’energia almeno tre volte inferiore a quanto finora creduto (circa 15 Megaton).
Nei modelli che erano stati messi a punto nel passato per stimare la potenza dell’esplosione non si era infatti tenuto conto che la massa di un corpo cosmico che vaporizza in maniera esplosiva a seguito dell’interazione con l’atmosfera si sposta verso il basso a velocità superiori a quella del suono, non si tratta quindi una semplice esplosione. Il non aver considerato il contributo di questo effetto dinamico nella valutazione dell’energia generata ha fatto sovrastimare la massa e quindi le dimensioni dell’oggetto che causò la catastrofe.
Le precedenti valutazioni davano un valore intorno ai 70 metri di diametro, mentre il recente studio lo riduce di almeno 20 metri. Ciò significa però che la probabilità di collisione con la Terra di questi corpi aumenta considerevolmente. Mentre si stima infatti che impatti con oggetti con dimensioni intorno ai 70 metri si verificano in media una volta ogni migliaio di anni, la probabilità di collisione con un oggetto di 40-50 metri di diametro è stimata in una volta ogni qualche centinaio di anni. Naturalmente gli effetti di eventi del genere dipendono dalla composizione e struttura del corpo cosmico.
I nuovi risultati sono stati possibili grazie all’uso dei potenti supercomputer a disposizione dei laboratori Sandia, che hanno permesso di effettuare delle simulazioni tridimensionali dell’evento estremamente complesse.

21 dicembre 2007 Mario Di Martino
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us