Spazio

Perseverance ha depositato il primo campione che da Marte verrà inviato sulla Terra

Su Marte il rover Perseverance ha iniziato a comporre quello che sarà un deposito di campioni di rocce che in futuro saranno inviate sulla Terra.

Un tubo di titanio contenente un campione di roccia è stato depositato dal rover Perseverance della Nasa sulla superficie di Marte. È il primo di una serie di dieci contenitori che nei prossimi due mesi il rover rilascerà nell'area chiamata "Three Forks", dando così vita al primo deposito di campioni realizzato dall'umanità su un altro pianeta. 

Il deposito segna uno storico primo passo verso quella che sarà la missione chiamata Mars Sample Return.

Destinazione terra. Questo campione in realtà è il duplicato di un altro campione che Perseverance porta con sé al suo interno. Stando a quanto finora progettato circa la missione Mars Sample Return, Perseverance dovrebbe consegnare i campioni di suolo e rocce marziane a un lander che sarà inviato in futuro su Marte. Il lander, a sua volta, dovrebbe utilizzare un braccio robotico per posizionare i campioni in una navicella che, grazie a un piccolo razzo, dovrebbe decollare verso l'orbita marziana dove si "incontrerà" con un altro veicolo spaziale che catturerà il contenitore dei campioni e li riporterà sulla Terra (vedi la ricostruzione nel video che segue)

E il deposito? Fungerà da riserva nel caso in cui Perseverance, per qualche motivo, non dovesse riuscire a consegnare i campioni alla navicella. In tal caso, infatti, un piano alternativo prevede che un paio di elicotteri (simili a Ingenuity, portato su Marte da Perseverance, ma più potenti) possano recuperare i campioni rilasciati nei vari depositi e consegnarli alla sonda di ritorno. 

Un'ora di controlli. Il primo campione ad essere rilasciato è stato un nucleo di roccia ignea delle dimensioni di un gesso da lavagna, soprannominato "Malay", che venne raccolto il 31 gennaio 2022 in una regione del cratere Jezero di Marte chiamata "South Séítah". Anche se concettualmente semplice, il deposito del campione di roccia è stata un'operazione che ha richiesto al rover più di un'ora di… ragionamenti per recuperare il tubo metallico dall'interno della sua pancia del rover, osservarlo un'ultima volta con la sua CacheCam interna e far cadere il campione su una porzione di superficie marziana accuratamente selezionata.

Segnale: ok. Un volta ricevuto il segnale che confermava il rilascio del campione i tecnici del Jet Propulsion della Nasa lo hanno fotografato con la macchina fotografica posta all'estremità del braccio robotico per verificare come fosse caduto il contenitore (doveva essere sdraiato e non in piedi, altrimenti lo si sarebbe fatto cadere con il braccio robotico) e hanno voluto verificare se non fosse finito vicino ad una delle ruote del rover.

 

Tutto invece, è avvenuto nel migliore dei modi. "Vedere il nostro primo campione a terra è una grande pietra miliare per il nostro primo periodo di missione, che termina il 6 gennaio", ha affermato Rick Welch, vice project manager di Perseverance presso il Jet Propulsion Laboratory della Nasa.

1 gennaio 2023 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us