Spazio

Perché la sonda Voyager 1 manda strani messaggi?

Gli ingegneri della Nasa sono alle prese con un enigma: il sistema di controllo della sonda Voyager 1 sembra sia correttamente in funzione, ma i dati ricevuti non sono validi. Che cosa sta accadendo?

Di record, la sonda Voyager 1 ne ha battuti tanti. Basti ricordare che è la più longeva sonda oggi in attività, con i suoi 45 anni di età; è la sonda che si trova alla maggiore distanza dalla Terra, ben 21.337 miliardi di km; è la prima sonda che ha inviato informazioni dall'esterno del Sistema Solare. Uno dei segreti del suo successo? Essere alimentata da un generatore a radioisotopi, in altre parole da energia nucleare. Attenzione, però: non significa che Voyager 1 abbia al suo interno una centrale nucleare in miniatura.

Si tratta invece di un sistema composto da due differenti metalli che, portati a temperature differenti, creano una differenza di potenziale e quindi un flusso di elettroni (una corrente elettrica). Per riscaldare uno dei due metalli si utilizza un elemento radioattivo, il cui "decadimento" (ossia la sua trasformazione in un altro elemento chimico) determina un rilascio di energia e quindi un riscaldamento. Oggi però la sonda sembra avere un problema piuttosto grave al sistema di controllo, come ha spiegato la stessa Nasa.

Molte incognite. Il sistema di controllo che guida la sonda nello Spazio, l'AACS (Attitude and Articulation Control Subsystem), sta inviando al centro di controllo della Nasa dati senza fondamento. Se fossero corretti, infatti, la sonda non si troverebbe lì dov'è. L'AACS consente di capire il punto esatto in cui si trova la sonda orientandosi con il Sole e un gruppo di stelle così lontane da poter essere considerate "fisse" nella volta del cielo. In questo modo la Voyager è in grado di posizionare correttamente l'antenna verso Terra per comunicare: quando la posizione non è precisa, entrano in funzione piccoli motori (ce ne sono 24) che collocano sonda e strumenti nella giusta posizione.

Per 45 anni l'AACS ha funzionato perfettamente grazie al controllo del suo computer HYPACE, che ora sembra avere un problema serio. Difficile valutare di che cosa si tratti: trovandosi nello Spazio interstellare la sonda viaggia infatti in un "mondo" sconosciuto rispetto a quello che vi è al di qua dell'eliosfera, ossia la "bolla" attorno al Sole dove è la nostra stella a dettare legge. In quell'ambiente le radiazioni interstellari potrebbero interferire con il computer in modo inedito. In aggiunta il ritardo nelle comunicazioni tra la Terra e la Voyager ammonta a circa 20 ore e mezza (il tempo necessario per inviare una domanda alla sonda e riceverne la risposta).

Capolinea? Nient'affatto. Alla Nasa si lavora per risolvere l'inconveniente, cosa che consentirebbe alla sonda di continuare a inviare dati alla Terra fino al 2025, dopo di che il suo combustibile sarà esaurito.

Ma la sua storia no: continuerà a vagare nello Spazio finché tra circa 30.000 anni avrà abbandonato la Nube di Oort, la grande "ciambella" di comete che circonda il Sistema Solare e dopo altri 8.000 anni passerà nel punto più vicino alla stella Gliese 445 a circa 1,7 anni luce. E poi continuerà ancora

29 maggio 2022 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us