Spazio

Perché la Nasa non voleva che i suoi astronauti usassero le matite?

Pare che il progetto con cui la Nasa sviluppò una penna in grado di funzionare nello spazio sia stato costosissimo. E allora perché non usare le matite, come i russi?

Si racconta che negli anni Sessanta la Nasa abbia speso molti milioni di dollari per sviluppare una sofisticata penna spaziale, pur di non utilizzare (o non avendo pensato di utilizzare, nelle versioni più cattive) le matite, in dotazione a costo zero ai rivali sovietici. In realtà, però, le cose andarono diversamente

Agli albori dell'esplorazione spaziale, ancora prima della corsa verso la Luna, per prendere appunti astronauti e cosmonauti utilizzavano semplici matite. Ma le particelle di grafite e di legno, fluttuando in assenza di peso, rischiavano di finire nelle strumentazioni danneggiandole.

La penna con la cartuccia pressurizzata diventò poi lo standard per scrivere a gravità zero

Poi è arrivata la Space Pen, con una cartuccia pressurizzata (per consentire all'inchiostro di fluire anche in assenza di gravità, ndr), sviluppata però da un'azienda privata, la Fisher Pen Company, e non dalla Nasa. Questa diventò lo standard per la scrittura in assenza di gravità, grazie anche alle sue caratteristiche di sicurezza, poiché oltre a poter scrivere in assenza di peso, aveva doti ignifughe ed era a prova di perdita d'inchiostro. Oggi, sulla Stazione Spaziale Internazionale si utilizzano penne Sharpie e matite meccaniche, figlie di quella tecnologia.

5 febbraio 2024 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us