Spazio

Perché la Nasa non voleva che i suoi astronauti usassero le matite?

Pare che il progetto con cui la Nasa sviluppò una penna in grado di funzionare nello spazio sia stato costosissimo. E allora perché non usare le matite, come i russi?

Si racconta che negli anni Sessanta la Nasa abbia speso molti milioni di dollari per sviluppare una sofisticata penna spaziale, pur di non utilizzare (o non avendo pensato di utilizzare, nelle versioni più cattive) le matite, in dotazione a costo zero ai rivali sovietici. In realtà, però, le cose andarono diversamente

Agli albori dell'esplorazione spaziale, ancora prima della corsa verso la Luna, per prendere appunti astronauti e cosmonauti utilizzavano semplici matite. Ma le particelle di grafite e di legno, fluttuando in assenza di peso, rischiavano di finire nelle strumentazioni danneggiandole.

La penna con la cartuccia pressurizzata diventò poi lo standard per scrivere a gravità zero

Poi è arrivata la Space Pen, con una cartuccia pressurizzata (per consentire all'inchiostro di fluire anche in assenza di gravità, ndr), sviluppata però da un'azienda privata, la Fisher Pen Company, e non dalla Nasa. Questa diventò lo standard per la scrittura in assenza di gravità, grazie anche alle sue caratteristiche di sicurezza, poiché oltre a poter scrivere in assenza di peso, aveva doti ignifughe ed era a prova di perdita d'inchiostro. Oggi, sulla Stazione Spaziale Internazionale si utilizzano penne Sharpie e matite meccaniche, figlie di quella tecnologia.

5 febbraio 2024 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us