Spazio

Oumuamua? Un iceberg di idrogeno molecolare

Una nuova, suggestiva ipotesi sulla composizione chimica del visitatore interstellare Oumuamua potrebbe spiegare la sua strana accelerazione.

Sulla vera natura di Oumuamua, l'oggetto interstellare a forma di sigaro osservato dai telescopi terrestri il 19 ottobre 2017, ci si interroga da tempo. La sua strana accelerazione è da subito parsa simile a quella delle comete, spinte dal calore del Sole che fa sublimare i loro strati di ghiaccio più esterni; ma mentre le code delle comete riflettono la luce solare risultando ben visibili agli strumenti astronomici, attorno al "visitatore alieno" Oumuamua non si è mai notato alcun bagliore. Per spiegare il suo curioso moto sono stati scomodati persino gli alieni, ma un nuovo studio pubblicato sull'Astrophysical Journal Letters riesce a motivare le caratteristiche di Oumuamua in un modo più scientifico.

Macché alieni: è una questione di chimica. Secondo gli astronomi delle Università di Yale e di Chicago, Oumuamua potrebbe essere composto di idrogeno molecolare ghiacciato, un materiale che spiegherebbe alcune sue proprietà e che sarebbe anche molto diffuso nella nostra galassia. La teoria prende spunto dall'idea, in precedenza avanzata dagli studiosi di Yale e del Caltech, che questo sigaro spaziale sia in realtà una cometa il cui deflusso di gas e polveri è per qualche ragione invisibile ai telescopi. Il team è allora andato a caccia di un materiale che potesse spiegare questa "invisibilità", nonché l'accelerazione mostrata da Oumuamua durante il suo passaggio all'interno del Sistema Solare. L'unico tipo di ghiaccio compatibile con le caratteristiche osservate è quello a base di idrogeno molecolare, che si forma a temperature appena poco superiori allo zero assoluto.

Uno fra tanti. Questo materiale non riflette la luce e non risulta visibile quando sublima: ecco perché potrebbe essere la ragione della misteriosa propulsione di Oumuamua, non spiegabile con la sola forza di gravità. L'idrogeno molecolare potrebbe essersi formato in una gigantesca nube molecolare, una delle regioni dello Spazio ricche di idrogeno ed elio dove nascono le stelle. Se Oumuamua provenisse da un luogo del genere potrebbe consegnarci informazioni di prima mano sulla materia costituente degli astri e della nostra galassia. Non solo: se l'ipotesi fosse confermata, allora il visitatore interstellare sarebbe in ottima compagnia, e la nostra galassia potrebbe essere piena di iceberg come questo.

Spolpato fino all'osso. La ricerca fornisce anche una possibile spiegazione alla forma allungata dell'oggetto celeste. Dopo milioni di anni di viaggio in tranquillità, Oumuamua sarebbe stato sottoposto all'intensa radiazione solare, che l'avrebbe spogliato degli strati più esterni come avviene quando utilizziamo più volte una stessa saponetta fino a ridurla a un residuo scarno e allungato.

Oumuamua potrebbe quindi aver assunto il suo aspetto a sigaro proprio mentre si trovava in prossimità della Terra: in futuro, osservazioni più precoci di oggetti come questo potrebbero confermare o smentire l'ipotesi. 

27 giugno 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us