Spazio

Oumuamua non è una nave aliena, ma riserva molte sorprese

L'asteroide interstellare avrebbe un guscio di carbonio che protegge un cuore di ghiaccio: il suo interno potrebbe racchiudere acqua proveniente da un altro sistema stellare.

Non è una nave interstellare, ma è forse qualcosa di meglio. L'asteroide 1I/2017 U1, che tutti conosciamo come Oumuamua, potrebbe trasportare al suo interno molecole d'acqua provenienti da un altro sistema stellare, quello da cui è arrivato.

Gli astronomi dell'iniziativa Breakthrough Listen che stanno studiando il corpo celeste in quattro diverse bande di radiofrequenze, per rintracciare eventuali segnali di tecnologia artificiale, hanno scoperto che l'oggetto spaziale ha probabilmente un guscio a base di carbonio spesso mezzo metro, che protegge un interno ghiacciato.

La crosta di materiale organico avrebbe impedito all'acqua nel nucleo di evaporare quando Oumuamua è transitato a 37 milioni di km dal Sole, il 9 settembre scorso. Senza questo rivestimento, il cuore ghiacciato dell'asteroide si sarebbe vaporizzato.

Interno familiare. Le osservazioni confermano quindi che 1I/2017 U1 non è una cometa - non c'è traccia di code - ma ha con esse in comune la composizione a base di ghiaccio e rocce.

L'oggetto celeste è inoltre molto più simile ai corpi ghiacciati del Sistema Solare (con i quali condivide anche il colore grigio-rossastro) di quanto si credesse: il modo in cui pianeti e asteroidi si formano potrebbe essere simile anche in altri sistemi stellari. Incertezze rimangono sulle dimensioni, anche se si pensa debba essere lungo almeno 400 metri, e 10 volte più lungo che largo.

19 dicembre 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us