Spazio

Nuvole su Marte fotografate da Curiosity

Le nuvole fotografate dal rover della Nasa aggiungono un tassello alla ricerca sul passato del Pianeta e potranno raccontarci qualche dettaglio sulla sua storia.

Il 5 agosto Curiosity ha compiuto il suo secondo anno di attività su Marte. Dopo il periodo dedicato alla perlustrazione dei luoghi vicini all'atterraggio e i primi spostamenti sulla superficie del pianeta rosso, il rover si sta dirigendo alla volta del Mount Sharp. Il Mars Science Laboratory ha già portato a termine una delle sue missioni, ovvero quella di stabilire che su Marte si sono verificate in passato condizioni ambientali che potrebbero avere ospitato la vita.

DALLE ROCCE AL CIELO. Curiosity però non si ferma e dopo aver scavato, trivellato e fotografato terreno e rocce, osserverà anche i cieli del Pianeta Rosso. Con il tweet del 2 settembre scorso ce lo ha confermato: «Pronti, via! Mi sto dirigendo verso queste colline marziane per qualche studio geologico e per cercare delle nuvole». Le nuvole visibili da Marte, osservate da tempo da satellite e già fotografate da Opportunity, sono probabilmente composte da cristalli di ghiaccio o gocce d'acqua sopraffusa. Curiosity potrebbe dirci molto di più rispetto alla loro composizione e ai loro movimenti.

SE LE NUVOLE POTESSERO PARLARE. Robert M. Haberle, planetologo della Nasa e membro del team di monitoraggio ambientale di Curiosity, ha spiegato che gli astrobiologi sono molto interessati alle nuvole su Marte perché «fanno parte del sistema climatico del pianeta». Uno studio sulle nuvole può fornire informazioni sull'andamento delle temperature e sui venti che hanno modellato la superficie marziana. Inoltre, dice sempre Haberle, la loro presenza in passato «potrebbe aver scaldato il pianeta attraverso un effetto serra. Sappiamo che un ambiente più caldo è più favorevole alla vita».

8 settembre 2014 Sara Zapponi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us