Spazio

Un nuovo, grave problema per il telescopio spaziale Hubble

Un altro giroscopio fuori uso: il quarto su sei! Questo purtroppo impedisce al telescopio - in servizio dal 1990 - di mantenere con precisione il puntamento dello specchio.

Il telescopio spaziale Hubble, il nostro occhio sull'Universo dal 1990, a circa 600 km sulle nostre teste, è entrato in "stand-by", una modalità di protezione della sua strumentazione che prevede uno stop alle osservazioni, in quanto un altro dei suoi giroscopi, fondamentali per mantenere l'orientamento del telescopio, si è guastato. Rachel Osten, vicecapo missione di Hubble presso lo Space Telescope Science Institute di Baltimora, ha dichiarato: «Abbiamo vissuto un weekend stressante! In questo momento il telescopio si trova in stand-by e stiamo cercando di capire che cosa fare: quel che è certo è che un altro giroscopio ha smesso di funzionare e il nostro primo compito è quello di riportarlo al lavoro nel più breve tempo possibile».

Hubble Space Telescope, telescopi spaziali, Nasa, Esa, Pilastri della Creazione
I Pilastri della Creazione (vedi), nella nebulosa Aquila: una delle fotografie simbolo dell'Hubble Space Telescope. © NASA, ESA, STScI

Vicino alla fine? Hubble ha sei giroscopi, che erano stati sostituiti nel 2009 durante una "missione di manutenzione", quando era ancora in attività lo Space Shuttle, ma già poco tempo dopo 3 giroscopi andarono fuori uso.

Il telescopio spaziale poteva comunque lavorare, in quanto sono necessari e sufficienti tre giroscopi attivi per rimanere nella propria posizione e puntare a un oggetto dell’Universo con estrema precisione.

Ora, con un quarto giroscopio fuori uso (si spera momentaneamente) Hubble non può operare con la precisione richiesta dagli studi attuali.

L'astrofisico Grant Trenblay, del centro di astrofisica di Harvard-Smithsonian, commenta che, in ogni caso, non è il caso di farsi prendere dallo sconforto, perché Hubble potrebbe "fare astronomia" anche con un solo giroscopio... «certo non con la precisione garantita da almeno tre giroscopi, ma "qualcosa di buono" si può comunque fare».

esopianeti, hubble, pianeti extrasolari, gioviani caldi, formazione planetaria, acqua
Vedi: Hubble e l'acqua sugli esopianeti gassosi. © ESA/Hubble, NASA via media Inaf

D'altra parte il telescopio spaziale, da tempo in attesa di essere sostituito dal James Webb Space Telescope - che dopo l'ennesimo rinvio e stando ai nuovi piani dovrebbe essere lanciato nel 2021, sta lavorando da quasi 30 anni - e ormai da quasi 10 non è stato possibile poter fare manutenzione (dalla fine del programma Space Shuttle). Era inevitabile che prima o poi si verificasse qualche importante problema tecnico. Al momento, tuttavia, né la Nasa, né l’Agenzia spaziale europea, responsabili dell'attività del telescopio spaziale, hanno rilasciato una dichiarazione ufficiale.

9 ottobre 2018 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us