Un'eccezionale immagine delle macchie di Cerere

Il ripido cratere Occator e le misteriose aree brillanti alloggiate al suo interno appaiono ora ancora più vicini: le ultime dalla sonda Dawn.

occator_cerere_dawn_pia19889
Un'immagine ad alta risoluzione del cratere Occator in cui sono ben visibili le due macchie chiare.|NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA

Una nuova dettagliatissima immagine di Cerere rilasciata dalla sonda Dawn, ormai nell'orbita stabile del pianeta nano, mostra le misteriose macchie bianche della sua superficie con una precisione mai raggiunta prima.

 

Chiaro-scuro. L'immagine riprende il cratere Occator, che ospita le macchie, con una risoluzione di 140 m per pixel e combina due diversi tipi di esposizione, una per le aree più brillanti e chiare e una per le zone più scure (superando così i problemi dati dai contrasti di luminosità della regione).

 

Scosceso. La foto che è stata acquisita da un'altezza di circa 1500 km, e che è tre volte più precisa di quella della stessa aerea realizzata a giugno, mostra in particolare la profondità del cratere Occator, le cui pareti in alcuni punti presentano un dislivello anche di 2 km.

 

Al lavoro. Dawn ha appena cominciato il terzo ciclo di osservazioni di Cerere volto a ottenere una visione tridimensionale il più completa possibile della sua superficie. Nei due prossimi mesi, ne completerà altri sei. E chissà che non riesca a chiarire una volta per tutte la natura di quelle macchie.

 

Guarda anche un'animazione che mostra il cratere nel dettaglio:

 

 

 

10 Settembre 2015 | Elisabetta Intini