Nubi nottilucenti su Mosca

Che cosa sono le nubi nottilucenti.

noctilucentmoscow_lisakov1
Panorama di Mosca sotto una bellissima coltre di nubi nottilucenti

Questa immagine panoramica di Mosca, ripresa lo scorso 8 giugno dall'edificio più alto dell'Università di Stato Lomonosov, mostra un esteso insieme di nubi nottilucenti che si stagliano sul fondo scuro del cielo della capitale russa. Quest'anno l'apparizione delle nubi nottilucenti si è verificata in anticipo e ciò potrebbe essere dovuto ai cambiamenti della circolazione atmosferica causati dal riscaldamento globale.

 

 

Schema che illustra il meccanismo che dà origine alla visibilità delle nubi nottilucenti.

 

Le nubi nottilucenti (in inglese NoctiLucent Clouds, NLC), note anche come nubi polari mesosferiche (in inglese Polar Mesospheric Clouds, PMC), sono un fenomeno atmosferico nuvoloso visibile durante il crepuscolo inoltrato. Si possono osservare con maggiore frequenza nei mesi estivi a latitudini comprese tra 50° e 70°, sia nell'emisfero boreale sia in quello australe.

 

Sono le nubi più alte nell'atmofera terrestre, collocate nella mesosfera ad altitudini di circa 75-85 km, e sono visibili solamente dopo il tramonto, quando vengono illuminate dalla luce del Sole da sotto l'orizzonte, mentre gli strati più bassi dell'atmosfera sono oscurati dall'ombra terrestre. Le nubi nottilucenti sono un fenomeno non ancora completamente noto.

 

 

Le nubi “normali” sono localizzate nella troposfera, sino ad un'altezza massima di 12-13 km, e non raggiungono le quote dove si formano le nubi nottilucenti. La spiegazione che sembra essere più ragionevole è che la loro origine sia da imputare a polveri meteoritiche, prodotte dalla disintegrazione di piccolissimi corpi cosmici che interagiscono ad altissima velocità con gli strati alti dell'atmosfera. A causa delle bassissime temperature presenti a quelle quote, la scarsa umidità ivi presente si condensa su questi minuscoli grani di polvere dando origine a queste diafane nuvole. Si pensa che anche le ceneri immesse in atmosfera da imponenti eruzioni vulcaniche possano dare il loro contributo alla formazione di queste nubi.

 

Chi volesse osservare in diretta lo sviluppo completo delle nubi nottilucenti attorno al polo può visitare il sito della missione AIM (Aeronomy of Ice in the Mesosphere) della NASA.

28 Giugno 2013 | Mario Di Martino