Spazio

Niente è rotondo come il Sole

Se la nostra stella avesse le dimensioni di una palla da beach volley, la differenza tra il diametro polare e quello equatoriale misurerebbe meno di un capello: i sorprendenti risultati di uno studio americano.

Brillamenti, macchie solari, eiezioni di massa coronale: non si può certo dire che la nostra stella conduca un'esistenza tranquilla. Eppure questa fremente attività non sembra perturbarne la forma. Il Sole rimane costante nella sua rotondità, anzi, è la sfera più perfetta esistente in natura.
La differenza tra il diametro all'equatore e quello ai poli è di appena 10 chilometri. Immaginando di ridurre la stella alle dimensioni di una palla da beach volley, questa differenza misurerebbe meno dello spessore di un capello. «Non è solo molto rotondo. È troppo rotondo» spiega Jeffery Kuhn, fisico e ricercatore solare dell'Università delle Hawaii di Manoa, «è più sferico e invariabile nella forma di quanto fosse previsto».

Per ottenere queste misure Kuhn e colleghi si sono affidati alle immagini catturate dall'Helioseismic and Magnetic Imager (HMI), uno strumento a bordo del Solar Dynamics Observatory della Nasa che fornisce ogni giorno quasi 15 mila ritratti della nostra stella, misurandone il flusso magnetico e le increspature superficiali causate dal movimento del plasma. Nella prima immagine (a destra nella foto) catturata il 1 agosto, il disco solare si mostra in tutta la sua intensità luminosa. Nella seconda, ottenuta da un altro strumento a bordo, l'Atmospheric Imaging Assembly, si può osservare il Sole nella lunghezza d'onda dell'ultravioletto.

Il Sole come non l'hai mai visto in un video del Solar Dynamics Observatory

Negli ultimi due anni, l'attività solare è riesplosa dopo un periodo di relativa quiete, e ciò ha fornito ai ricercatori un'occasione preziosa per studiare le varie fasi del ciclo solare. Le precendenti osservazioni della forma del Sole sono state eseguite per lo più da terra, e sono per tanto influenzate dalla presenza dell'atmosfera terrestre. Variazioni nella forma osservata del Sole finora potrebbero cioè essere dovute a cambiamenti atmosferici e non al Sole stesso. Le immagini catturate dall'HMI sono molto più precise, anche se rimangono - e gli scienziati ci stanno lavorando - un paio di elementi di "disturbo" da escludere dalle analisi: i lievi movimenti dell'osservatorio spaziale e la distorsione delle sue lenti.

Il Sole? Un'opera d'arte. Guardare per credere

Le foto del transito di Venere sul Sole (guarda)

3 settembre 2012 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us