Spazio

Nessuna traccia di processi biologici nel più famoso meteorite di Marte

Negli Anni '80 qualcuno pensò di aver trovato tracce di "vita" marziana nel meteorite ALH84001, proveniente dal Pianeta Rosso. Un nuovo studio rivela che le sostanze organiche presenti non erano prodotti biologici.

Antartide, anni Ottanta: un frammento di meteorite proveniente da Marte viene raccolto durante una campagna di ricerca e la notizia del ritrovamento finisce sulle prime pagine di tutti i giornali. All'interno del meteorite – classificato come ALH84001 – ci sono infatti sostanze organiche, ossia composti degli elementi che sono alla base della vita (come carbonio, idrogeno, ossigeno, azoto, zolfo), microscopici depositi che sembravano essere stati prodotti solo da organismi viventi e addirittura quelli che sembravano microscopici fossili di organismi extraterrestri. La prova dell'esistenza dei "marziani"? Per qualcuno sì, ma allora il dibattito tra gli scienziati si concluse con un nulla di fatto.

Oggi un gruppo di ricerca del Carnegie Institution for Science di Washington è tornato su quel campione e ha chiesto alla Nasa di poterne analizzare una sottilissima sezione con moderne tecnologie, tra cui l'imaging su nanoscala, un'analisi degli isotopi presenti nella roccia e la spettroscopia (che utilizza la luce per studiare la composizione chimica della materia).

Il meteorite ALH84001 proveniente da Marte. Sarebbe caduto sulla Terra 13mila anni fa.
Il meteorite ALH84001 proveniente da Marte. Sarebbe caduto sulla Terra 13mila anni fa. © Nasa

INDIETRO NEL TEMPO. «Analizzare quel campione marziano significa aprire una finestra sui primi processi geochimici che avvennero sui pianeti primordiali e che potrebbero essersi verificati anche sulla Terra», spiega Andrew Steel, tra coloro che hanno studiato il campione e realizzato lo studio pubblicati sulla rivista Science.

I risultati non lascerebbero ombre di dubbio: le caratteristiche riscontrate all'interno di ALH84001 possono essere ottenute da processi non biologici che anche sulla Terra danno vita a molecole composte anche da carbonio. Spiega Steele: «Quel che abbiamo osservato può essere spiegato come materiale organico prodotto in una salamoia che conteneva anidride carbonica che attraversava le rocce magmatiche. Potrebbe essere stata la base, il substrato da cui si sarebbe potuta sviluppare la vita».

Come è avvenuto tutto ciò? Attraverso processi in realtà già noti come la serpentinizzazione, fenomeno che si produce quando particolari rocce ignee (formatesi dalla solidificazione di lava o magma) ricche di ferro e di magnesio vengono a contatto con acqua circolante. O come la carbonatazione, in cui le rocce reagiscono con acqua leggermente acida in cui è disciolta anidride carbonica, con conseguente formazione di materiali carbonatici. Quel che rimane dubbio è se i due processi siano avvenuti in successione o contemporaneamente, anche se l'acqua non deve essere rimasta a lungo in circolazione.

Parentesi: tra gli elementi chimici che si producono durante la serpentinizzazione c'è il metano che è stato più volte rilevato all'interno del cratere Gale dal rover Curiosity (da non confondere con il Perseverance, che dalla primavera 2021 sta esplorando il cratere Jezero).

Questo potrebbe voler dire che tali processi sono ancora in atto, ammesso che ci sia ancora acqua in circolazione sotto la superficie marziana.

25 gennaio 2022 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us