Spazio

Nello Spazio come sulla Terra: il mistero delle valanghe più veloci del Sistema Solare

Su Giapeto, una delle lune ghiacciate di Saturno, le frane di ghiaccio sfidano le leggi dell'attrito: le loro proprietà potrebbero aiutare a capire le dinamiche di alcuni smottamenti terrestri.

Se quello di una valanga o di una frana è uno spettacolo spaventoso, lo stesso evento assume risvolti ancora più inquietanti quando osservato su Giapeto, una delle lune ghiacciate di Saturno.
Qui le masse di ghiaccio che si staccano dalle pareti dei crateri o dalla gigantesca frattura equatoriale scivolano lungo montagne alte anche 20 chilometri, due volte e mezzo l'Everest, e precipitano a una velocità tale che più che massi rotolanti, ricordano lo scivolamento di un liquido. Studiando le dinamiche di queste rapidissime colate di materiale ghiacciato, gli scienziati sperano di poter comprendere più a fondo i meccanismi che si celano dietro alle più catastrofiche frane che colpiscono il nostro pianeta.

Tutte le foto più belle di Saturno, il signore degli anelli (guarda)

Quante ne sai?

Dove dovremmo andare per pesare due terzi in meno che sulla Terra? E quale sarebbe il pianeta ideale per fare surf? Metti alla prova le tue conoscenze con un test all'ultima curiosità sul Sistema Solare e i suoi pianeti.

Le valanghe più spettacolari di tutto il Sistema Solare sono state fotografate su Giapeto dalla sonda Cassini che ha sorvolato la luna dal 2004 al 2007. Analizzando le immagini acquisite un'equipe della Washington University di St Louis ha potuto studiare i movimenti di 30 di questi smottamenti, evidenziandone dinamiche che ricordano da vicino le caratteristiche di alcune delle frane osservate su Marte e anche sulla Terra, le cosiddette "sturzstrom".

Sono chiamate così valanghe eccezionalmente mobili che nella loro caduta possono coprire distanze anche 30 volte superiori all'altezza da cui si sono staccate (una frana comune viaggia invece per appena due volte, o anche meno, la distanza da cui si è originata). Come se fossero formate da materiali liquidi, queste frane, se incontrano una superficie in salita, sono addirittura in grado di impennare.

La causa di questo eccezionale scivolamento non è del tutto chiara, ma i ricercatori - in particolare Kelsi Singer, a capo dello studio - sospettano che la particolare velocità delle valanghe dipenda dal fatto che lo scorrimento del materiale in caduta riscaldi la superficie di ghiaccio sottostante rendendola ancora più scivolosa e consentendo così alla frana di compiere una strada ancora più lunga. E poiché Giapeto è molto freddo - la temperatura oscilla tra i -143 e i -173 °C, a seconda della zona del satellite su cui ci si trova - le proprietà del suo ghiaccio ricordano quelle delle rocce terrestri, dicono i ricercatori. Ecco perché questo meccanismo di surriscaldamento potrebbe spiegare anche alcuni smottamenti a lungo percorso verificatisi sulla Terra. «Le frane su Giapeto sono una sorta di esperimento planetario su vasta scala» spiega Singer «forniscono un esempio di valanghe di ghiaccio, e non di roccia, in assenza di gravità e di atmosfera. Condizioni che non potremmo ricreare in laboratorio».

1 agosto 2012 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Qual è la "retta via" indicata dal Corano e dalla Sunna? Come si riflette la Sharìa – la legge divina islamica - sulla vita delle persone e sugli equilibri fra mondo musulmano e occidente? Viaggio nel fondamentalismo religioso, islamico e non solo, per capire cosa succede quando la parola di Dio viene presa alla lettera, non tiene conto dei cambiamenti storici e sociali e si insinua nella politica.

ABBONATI A 29,90€

Come sarà la città del domani? Pulita, tecnologica, intelligente, come quella in costruzione vicino a Tokyo. E in giro per il mondo ci sono altri 38 progetti futuristici che avranno emissioni quasi azzerate nel nome della salute e dell’ambiente. Inoltre, le missioni per scoprire Venere; come agisce la droga dello stupro sul cervello; il paradosso del metano, pericoloso gas serra ma anche combustibile utile per la transizione energetica.

ABBONATI A 29,90€
Follow us