Plutone e New Horizons vai allo speciale

Le foto da New Horizons: tracce di neve su Plutone

Immagini di Plutone mostrano neve sulle cime della Cthulhu Regio, ghiaccio sulla Sputnik Planum e l'esistenza di nubi. Ma ciò che cade è metano.

pluto4
Nell’immagine scattata da New Horizon si vede con chiarezza la stratificazione dell’atmosfera di Plutone.|NASA

Le immagini che la sonda New Horizons ha scattato quando il 14 luglio del 2015 ha sorvolato il pianeta nano Plutone stanno ancora arrivando a Terra: il flusso continuerà ancora per alcuni mesi, riservando sempre nuove sorprese, come la serie da poco mostrata dal centro di controllo della sonda. Le immagini mostrano cime innevate lungo la catena montuosa Cthulhu Regio.

La Cthulhu Regio è vicino all’equatore di Plutone, ai margini dell’immensa Sputnik Planum, una pianura ricoperta da metano ghiacciato. Larga 750 chilometri, si estende per circa 3.000 chilometri e copre una regione di 1.800.000 chilometri quadrati. L’area appare di colore rossastro: secondo i geologi ciò è dovuto alla presenza di toline, sostanze non presenti in natura sulla Terra che si formano per alterazione del metano sottoposto all’azione dei raggi ultravioletti provenienti dal Sole.

 

A sinistra la catena montuosa Cthulhu, lunga circa 3.000 chilometri. Sulla destra la Sputnik Planum, una pianura ricoperta da ghiaccio di metano. | Nasa

 

Nevica metano. Le cime più alte del Cthulhu Regio splendono di una luce biancastra, e i ricercatori ritengono che possano essere ricoperte da qualcosa di diverso rispetto alle aree sottostanti. Probabilmente da metano appena precipitato sulla superficie.

 

In questa serie di immagini l’ingrandimento della Cthulhu Regio: l'area più chiara nel riquadro centrale potrebbe essere "neve di metano". | Nasa

Forse "brina", oppure vera e propria "neve", che precipita dalle nuvole... Ma possono esistere nubi su un pianeta piccolo come Plutone? Una domanda a cui si è trovata risposta proprio in questi giorni.

 

Secondo Will Grundy, del Lowell Observatory (Arizona, Usa), l’atmosfera di Plutone, che è composta principalmente da azoto, è più complessa di quel che ci si aspettava. Innanzi tutto risulta stratificata, e gli strati inferiori sembrano composti da un mix di particelle di toline. Quando, aggregandosi, tali particelle diventano pesanti, precipitano al suolo colorandolo di rosso. Ma all’interno degli strati vi sarebbero anche vere e proprie nubi di metano, che potrebbero anche dare luogo a precipitazioni.

 


Vedi anche

 

08 Marzo 2016 | Luigi Bignami