La prima stella con ben 8 esopianeti è stata trovata da Nasa e Google

La Nasa ha annunciato una nuova scoperta del telescopio spaziale Kepler: il primo sistema planetario composto da ben 8 esopianeti. La stella ospite, Kepler-90, era già conosciuta, ma la scoperta dell'8° pianeta (arrivata grazie all'intelligenza artificiale di Google) la fa gareggiare col nostro Sole.

kepler-90
Il sistema Kepler-90 in un'illustrazione. L'ultimo scoperto, Kepler-90i, è il terzo per distanza dalla propria stella.|NASA/Ames Research Center/Wendy Stenzel

La stella Kepler-90, lontana ben 2545 anni luce, ha stabilito il nuovo record di esopianeti: 8 pianeti le orbitano attorno, proprio come gli 8 del Sistema Solare.

 

La scoperta è stata annunciata dalla NASA ed è stata resa possibile dall'intelligenza artificiale di Google, che ha analizzato i dati relativi ai 35.000 potenziali pianeti extrasolari segnalati dal telescopio spaziale Kepler.

Le orbite degli 8 pianeti di Kepler-90 sulla sinistra (in rosso quella del nuovo Kepler-90i) e le or
Le orbite degli 8 pianeti di Kepler-90 sulla sinistra (in rosso quella del nuovo Kepler-90i) e le orbite dei 3 pianeti più interni del Sistema Solare sulla destra. | NASA/Ames Research Center/Wendy Stenzel

Non proprio come la Terra. L'ultimo esopianeta scoperto, Kepler-90i, ha un diametro del 30% superiore a quello terrestre e si trova, proprio come la Terra, ad occupare il 3° posto per distanza dalla propria stella.

 

Ma le è molto vicino (poco più di un decimo della distanza Terra-Sole), e le orbita attorno in soli 14,4 giorni.

 

Gli astronomi della Nasa stimano che la sua superficie abbia una temperatura di più di 400 gradi, decisamente troppo calda per ospitare acqua liquida o la vita.

Il sistema Kepler-90 e il Sistema Solare a confronto.
Il sistema Kepler-90 e il Sistema Solare a confronto: le dimensioni dei pianeti sono in scala, ma la distanza fra loro è decisamente sproporzionata: Kepler-90 è un Sistema Solare concentrato in un piccolissimo spazio. | NASA/Ames Research Center/Wendy Stenzel

L'ottavo nano e l'IA. Da anni il telescopio Kepler aveva registrato il transito di questi pianeti, e 7 di loro erano già stati trovati, ma c'è voluto il ricorso all'intelligenza artificiale per estrarre dall'enorme mole di dati la presenza di un ottavo piccolo pianeta.

 

Il compito è stato affidato all'intelligenza artificiale di Google, che è stata allenata con i dati di 15.000 altri sistemi osservati da Kepler e coi relativi risultati ottenuti dagli astronomi. La collaborazione Nasa-Google ha permesso di scovare non solo questo pianeta, ma anche un sesto pianeta in un altro sistema, quello della stella Kepler 80.

A sinistra il sistema Kepler-90, in rosso l'area analizzata dal telescopio spaziale Kepler; a destra
A sinistra il sistema Kepler-90, in rosso l'area analizzata dal telescopio spaziale Kepler; a destra le orbite dei pianeti del Sistema Solare in scala. | NASA/Ames Research Center/Wendy Stenzel

La caccia continua. «Il sistema Kepler-90 è come una mini versione del nostro Sistema Solare. Ci sono pianeti più piccoli all'interno e pianeti più grandi all'esterno» ha commentato Andrew Vanderburg, astrofisico della Nasa.

 

E c'è poco da stupirsi: il metodo del transito è efficace nella ricerca di pianeti molto vicini alla propria stella, ma fatica a trovare indizi di pianeti più esterni. Come mostrato dall'immagine, il sistema Kepler 90 potrebbe quindi avere molti più pianeti del nostro. La ricerca di esopianeti continua e la scoperta un sistema planetario più popoloso del nostro è solo questione di tempo.

15 Dicembre 2017 | Davide Lizzani